Focus

Focus

Speciale Decreto Sviluppo - La conversione del DL Sviluppo non salva la Cigs per le aziende in stato di decozione

12 Settembre 2012 | di Riccardo Girotto

Cassa Integrazione Guadagni

L'Autore analizza l'istituto della Cassa integrazione guadagni per fallimento, che, in seguito alla Riforma Fornero, verrà abrogato a partire dal 2016. La cassa integrazione guadagni è disciplinata dall'art. 3, comma 1, l. 23 luglio 1991, n. 223. La peculiarità di questo istituto risiede nella concessione di un trattamento di sopravvivenza fino a 12 mesi ad imprese ormai decotte. Questo particolare, però, nel tempo ha dato vita ad abusi, non rispecchiando più un'assistenza da realizzarsi tramite la sospensione dei lavoratori per la conservazione dell'azienda, bensì manifestando un'assistenza al lavoratore conscio di aver già perso il posto di lavoro. Il legislatore con il recente “Decreto sviluppo” (d.l. 22 giugno 2012, n, 83 Conv. in l. 7 agosto 2012 n. 134) ha provveduto a ridisegnare le condizioni di accesso all'ammortizzatore sociale. L'Autore per comprendere la portata delle modifiche introdotte e i motivi della novazione esamina le norme previgenti in materia, la prassi dei tribunali e gli orientamenti dottrinali.

Leggi dopo

Fallir per l'insolvenza altrui

10 Settembre 2012 | di Lucio Di Nosse, Ciro Esposito

Insolvenza

La legge fallimentare, negli artt. 1 e 15, individua in maniera rigida i parametri di fallibilità dell'impresa, disegnando il perimetro entro cui il Tribunale deve muoversi per arrivare alla dichiarazione di fallimento. In virtù di questa poca discrezionalità concessa ai giudici, gli Autori rilevano come negli ultimi anni, sia nel panorama giurisprudenziale sia in quello dottrinario, il concetto di “temporanea illiquidità” sia stato definitivamente dimenticato ed accantonato; sulla base di questa premessa, dunque, vengono analizzati i concetti di insolvenza, di stato di crisi e le varie soluzioni concordatarie.

Leggi dopo

Il riconoscimento della sentenza di fallimento nella confederazione elvetica: sintesi del procedimento

07 Settembre 2012 | di Dario Radice

Exequatur

L'Autore svolge una breve sintesi sulla procedura di riconoscimento delle sentenze dichiarative del fallimento emanate dalle autorità giudiziarie italiane nella Confederazione Elvetica, soffermandosi sui presupposti necessari richiesti dalla normativa, sulla modalità di presentazione dell'istanza e sui documenti da allegare.

Leggi dopo

Speciale Decreto Sviluppo - Un primo commento alle “misure urgenti per la crescita del paese” e alla revisione della l. fall.

06 Settembre 2012 | di Carlo Trentini

Concordato preventivo: disciplina generale

Il recente intervento normativo apportato alla legge fallimentare, attraverso il c.d. “Decreto Sviluppo” , ha riguardato, in primo luogo, la disciplina del concordato preventivo - introducendo, tra le altre cose, il concordato in continuità, nell'ottica di favorire la continuità aziendale - ma anche la disciplina del piano attestato di risanamento e degli accordi di ristrutturazione dei debiti. L'Autore si sofferma, quindi, sugli articoli oggetto di modifica e su quelli introdotti ex novo.

Leggi dopo

Speciale Decreto Sviluppo - Quadro sintetico delle novità in materia concorsuale introdotte con il d.l. 22 giugno 2012 n 83 convertito in legge 7 agosto 2012, n 134

06 Settembre 2012 | di Gianfranco Benvenuto

Concordato preventivo: disciplina generale

Il c.d. “D.L. Sviluppo”, convertito attraverso la legge del 7 agosto 2012 n. 134, ha inciso profondamente sulla disciplina riguardante gli strumenti per la definizione della crisi d'azienda alternativi al fallimento. A questo proposito, dunque, l'Autore si propone di illustrare le principali novità introdotte nei confronti di tre istituti già esistenti per favorire l'imprenditore in crisi: il piano attestato (ex art. 67, comma 3, lettera d), l. fall.) l'accordo di ristrutturazione e il concordato preventivo, a cui è stata aggiunta l'ulteriore sotto-figura del concordato in continuità.

Leggi dopo

Speciale Decreto Sviluppo - Riflessioni su rapporto di lavoro subordinato e nuove norme fallimentari in tema di continuità aziendale

06 Agosto 2012 | di Alessandro Valentini, Marco Badellino, Giuseppe Goffi

Rapporti di lavoro

La revisione della legge fallimentare si pone il manifesto obiettivo di favorire la continuità aziendale e, conseguentemente, anche la circolazione dei compendi aziendali in crisi. Gli Autori prendono, dunque, in esame le nuove norme laddove esse spiegano - o possono spiegare - effetti o conseguenze rispetto ai rapporti di lavoro subordinato ricompresi in aziende o rami d'azienda interessati da trasferimenti ovvero da processi di ristrutturazione.

Leggi dopo

Speciale Decreto Sviluppo - Concordato in continuità e ruolo dell'attestatore: poteri divinatori o applicazione di principi di best practice

03 Agosto 2012 | di Luciano Quattrocchio, Riccardo Ranalli

Relazione di attestazione dell’esperto

Gli Autori si soffermano sulle novità introdotte dal “Decreto Sviluppo” in materia fallimentare, evidenziando, tra i pregi della novella, l'aver enucleato l'azienda dall'impresa nell'ambito della quale essa viene esercitata e nell'aver qualificato in termini di continuità sia la cosiddetta continuità diretta, e cioè la prosecuzione delbusiness nell'ambito dell'originaria legal entity, sia la cosiddetta continuità indiretta, ovvero la prosecuzione del business attraverso una sorta di segregazione aziendale. Vengono esaminati il concetto di “concordato con continuità aziendale”, i requisiti dell'attestatore e, nel dettaglio, i vari contenuti della relazione del professionista, anche nel caso di modifiche sostanziali della proposta o del piano e nell'ipotesi di finanziamenti prededucibili.

Leggi dopo

Speciale Decreto Sviluppo - I “nuovi” accordi di ristrutturazione: ruolo del professionista e trattamento dei creditori estranei

03 Agosto 2012 | di Ivan Libero Nocera

Accordo di ristrutturazione dei debiti: disciplina generale

Il “Decreto Sviluppo” ha inciso profondamente sugli accordi di ristrutturazione tentando di eliminare i disincentivi al tempestivo accesso all'istituto da parte delle imprese in crisi. Al fine di superare le criticità presenti si è esteso l'effetto protettivo, semplificato l'onere documentale per la richiesta di inibitoria nelle more delle trattative e disciplinato il caso di accordi di ristrutturazione e di concordato preventivo in continuità. Tuttavia, tra le innovazioni di maggior momento si prevede un'implementazione dell'indipendenza dell'esperto attestatore e la possibilità di pagare i creditori non aderenti all'accordo con un ritardo fino a 120 giorni, con inevitabili ricadute sulla qualificazione giuridica dell'intero istituto.

Leggi dopo

Speciale Decreto Sviluppo - Prime riflessioni in tema di concordato preventivo in continuità aziendale

03 Agosto 2012 | di Paola Baldassarre, Monica Pereno

Concordato con continuità aziendale

Nell'ambito dell'intervento legislativo di modifica della legge fallimentare ad opera del “Decreto sviluppo”, viene analizzato l'istituto del concordato in continuità introdotto dal nuovo art. 186-bis. L. fall. Muovendo dalla definizione di concordato in continuità, gli Autori si soffermano sul contenuto del piano e della relazione dell'attestatore, evidenziando come il legislatore abbia preso posizione sul tema, ampiamente dibattuto, della possibilità che la proposta concordataria preveda la dilazione del pagamento anche dei creditori muniti di privilegio, pegno o ipoteca, consentendo una “moratoria” fino ad un anno, ed esaminano poi la delicata questione della sorte dei contratti in corso di esecuzione e la norma di cui all'art. 182-quinquies.

Leggi dopo

Speciale Decreto Sviluppo - I contratti in corso di esecuzione nel concordato: l'art. 169-bis l. fall.

03 Agosto 2012 | di Bruno Inzitari

Rapporti giuridici preesistenti nel concordato

Il “Decreto Sviluppo” introduce una disciplina specifica per i contratti in corso di esecuzione nel concordato preventivo. L'Autore analizza il nuovo art. 169-bis, che ricalcando l'art. 72 l. fall. applicabile al fallimento, riconosce al debitore una facoltà di scelta, relativamente ai rapporti contrattuali in corso, tra scioglimento e continuazione. Vengono, quindi, esaminate le conseguenze dello scioglimento, anche per i creditori in bonis, le tipologie contrattuali che non possono essere sciolte e la particolare disciplina dei contratti pendenti nel concordato con continuità aziendale.

Leggi dopo

Pagine