Focus

Focus

Il diritto della crisi sospeso e la legislazione concorsuale in tempo di guerra

14 Aprile 2020 | di Danilo Galletti

Crisi d'impresa e insolvenza

Il D.L. 8 aprile 2020, n. 23 (c.d. Decreto Liquidità) introduce, fra l'altro, una disciplina, in apparenza temporanea, che in sostanza disattiva le principali norme del diritto della crisi, senza introdurre strumenti ad hoc e realmente funzionali all'affermato disegno del superamento della crisi; e ciò anche in assenza di una effettiva preoccupazione per l'esigenza di discriminare in modo efficace fra imprese realmente colpite dalla crisi “CoVid 19”, oppure semplicemente e storicamente inefficienti, ed ancora imprese sane, magari proprio perché più efficienti delle altre; né tantomeno per l'altra non meno importante esigenza che, nel non breve arco temporale di vigenza di tale disciplina, siano effettivamente adottate decisioni finalizzate a conseguire obiettivi di ristrutturazione, e non già anche di matrice solo opportunistica. Ciò darà prevedibilmente causa ad un massiccio fenomeno di “selezione avversa”, che danneggerà proprio le imprese più efficienti, ponendo così anche probabilmente le basi per la definitiva “archiviazione” del Codice della Crisi.

Leggi dopo

Le misure temporanee previste dal Decreto Liquidità per i concordati preventivi e gli accordi di ristrutturazione

14 Aprile 2020 | di Filippo Lamanna

Accordo di ristrutturazione dei debiti: disciplina generale

L'art. 9 del Decreto Liquidità (decreto-legge 8 aprile 2020, n. 23) detta una disciplina di carattere eccezionale, oltre che in materia di procedimenti prefallimentari anche in materia di concordato preventivo e di accordi di ristrutturazione.

Leggi dopo

Il “blocco” dei procedimenti prefallimentari imposto dal Decreto Liquidità

14 Aprile 2020 | di Filippo Lamanna

Istruttoria prefallimentare

Il decreto-legge 8 aprile 2020, n. 23 (“Misure urgenti in materia di accesso al credito e di adempimenti fiscali per le imprese, di poteri speciali nei settori strategici, nonchè interventi in materia di salute e lavoro, di proroga di termini amministrativi e processuali”), cd. Decreto Liquidità, entrato in vigore il 9 aprile 2020, ha dettato – tra le altre - anche specifiche disposizioni in materia concorsuale.

Leggi dopo

Le nuove frontiere del sovraindebitamento nella pandemia

14 Aprile 2020 | di Fabio Cesare

Sovraindebitamento

Il legislatore dell'emergenza si è occupato del fallimento, del concordato e degli accordi di ristrutturazione del debito, ma non di sovraindebitamento. Se ne dovrebbe occupare in sede di conversione del Decreto Cura Italia e del Decreto liquidità.

Leggi dopo

Cessione di azienda e accordo di ristrutturazione del debito: esclusa la responsabilità tributaria in capo al cessionario

13 Aprile 2020 | di Fabio Gallio

Agenzia delle Entrate, risposta n. 21/2019

Accordo di ristrutturazione dei debiti: disciplina generale

In caso di cessione di azienda nell'ambito di un accordo di ristrutturazione del debito, è possibile escludere la responsabilità tributaria in capo al cessionario.

Leggi dopo

Disposizioni del c.d. “Decreto Liquidità”: fallimento, concordato preventivo ed accordi di ristrutturazione

10 Aprile 2020 | di Girolamo Lazoppina

Accordo di ristrutturazione dei debiti: disciplina generale

Prima analisi del c.d. “Decreto Liquidità”, in tema di fallimento, concordato preventivo ed accordi di ristrutturazione. Di notevole rilievo il rinvio dell'entrata in vigore del nuovo Codice della crisi d'impresa e dell'insolvenza al I° settembre 2021.

Leggi dopo

La mancata omologa del concordato preventivo non qualifica come cessione un contratto di affitto di azienda

10 Aprile 2020 | di Fabio Gallio

CTP Vicenza, 13 novembre 2019, n. 439

Omologazione della proposta di concordato

In caso di mancata omologa del concordato preventivo, un contratto di affitto di azienda, con patto di futura vendita, non può essere qualificato come cessione di azienda.

Leggi dopo

La composizione assistita della crisi

08 Aprile 2020 | di Niccolò Nisivoccia

Sovraindebitamento: accordo di composizione della crisi

Di composizione assistita della crisi ci parla l'art. 19 del Codice della crisi, ed è la prima volta che questa figura entra nel nostro orizzonte, nel nostro ordinamento. Si tratta di una figura giuridica nuova, che fino ad oggi nel nostro ordinamento non esisteva. Conoscevamo, e conosciamo, i piani di risanamento, i concordati, fallimentare e preventivo, gli accordi di ristrutturazione dei debiti, il sovraindebitamento, la mediazione; ma non esisteva la “composizione assistita della crisi”. Di cosa si tratta?

Leggi dopo

Il Codice della crisi e le insidie della continuità senza meritevolezza nel concordato preventivo (II)

06 Aprile 2020 | di Giorgio Orano

Concordato con continuità aziendale

L'analisi compiuta nell'articolo precedente (Il Codice della crisi e le insidie della continuità senza meritevolezza nel concordato preventivo - I) conferma che il legislatore del 2019 non ha risentito, nonostante gli allarmanti segnali provenienti dalle aule fallimentari, di alcuna nostalgia per il concetto di meritevolezza, evidentemente considerata ormai retaggio di una visione delle procedure concorsuali obsoleta e felicemente superata. Il che ha avuto però l'effetto, difficile dire se compreso e voluto, di rendere l'accesso alla procedura compatibile con ogni forma di pregressa gestione illecita della società.

Leggi dopo

Il Codice della crisi e le insidie della continuità senza meritevolezza nel concordato preventivo (I)

03 Aprile 2020 | di Giorgio Orano

Concordato con continuità aziendale

Il presente articolo rappresenta la prima parte di una disamina rispetto le insidie della continuità senza meritevolezza nel concordato preventivo. La disciplina della procedure concorsuali è stata oggetto di numerose modifiche che hanno in particolare interessato l'istituto del concordato preventivo. In questa prima parte verranno disaminate la 'meritevolezza' quale requisito di ammissibilità del concordato preventivo, il ruolo del professionista indipendente, il ruolo del Commissario Giudiziale e gli atti in frode ed infine il ruolo del Pubblico Ministero. Seguirà una seconda puntata per ulteriori chiarimenti sul punto.

Leggi dopo

Pagine