Focus

Focus

Procedure concorsuali e rottamazione delle cartelle: la Circolare 2/E delle Entrate

10 Aprile 2017 | di Matteo Lorenzo Manfredi, Antonio Granelli

Cartelle esattoriali

Nella riunione del Consiglio dei Ministri del 24 marzo 2017 il Governo ha approvato un decreto legge con cui ha prorogato i termini per la presentazione della domanda di definizione agevolata delle cartelle esattoriali (c.d. “rottamazione”) sino al 21 aprile 2017. Nel contempo l’Agenzia delle Entrate, con la circolare 2/E del 8 marzo 2017, ha diramato chiarimenti in merito a detta procedura, di cui si ritiene opportuno esaminare i punti principali.

Leggi dopo

I margini temporali nella revocatoria delle rimesse bancarie

05 Aprile 2017 | di Alberto Cimolai

Azione revocatoria fallimentare

Fra le molteplici complessità presenti in ambito revocatorio, quella riferibile alle rimesse bancarie può considerarsi un vero e proprio cluster di problematicità. Chi frequenta professionalmente questo sub-procedimento sa bene - seppur trascorsi dieci anni dalla riforma - quanto oggi ancora si dibatta in tema di individuazione del requisito della consistenza e della durevolezza delle rimesse, di rilevanza o di irrilevanza dell’affidamento...

Leggi dopo

Fatture materialmente false al fine di evadere le imposte: inquadramento ed effetti

29 Marzo 2017 | di Iacopo Santinelli

Adempimenti fiscali nel fallimento

S’intende esaminare sotto il profilo giuridico – perché comunque rilevante anche nell’ambito concorsuale - la condotta dell’imprenditore commerciale che falsifichi o crei ex novo fatture di acquisto apparentemente provenienti da imprese terze e le utilizzi indicando così in una dichiarazione sui redditi o sul valore aggiunto elementi passivi fittizi al fine di evadere le imposte.

Leggi dopo

La revocatoria transfrontaliera nel panorama europeo

21 Marzo 2017 | di Francesco Corraro

Azione revocatoria fallimentare

È trascorso poco più di un anno da quando la Corte di Giustizia UE ha ribadito il principio secondo cui il beneficiario di un atto pregiudizievole per la massa dei creditori - compiuto prima che il suo autore fosse dichiarato insolvente e, dunque, sottoposto a procedura concorsuale - può vittoriosamente opporsi all’azione revocatoria esperita dal curatore della suddetta procedura, provando...

Leggi dopo

La domanda erariale di ammissione al passivo

14 Marzo 2017 | di Lorenzo Gambi

Ammissione al passivo: forma e contenuto della domanda

Ogni questione circa l’an ed il quantum dell’obbligazione tributaria ricade nella esclusiva competenza del giudice tributario ai sensi dell’art. 2 del D.Lgs. n. 546/1992. Appartengono, in particolare, alla giurisdizione tributaria, le controversie aventi ad oggetto i tributi d’ogni genere, compresi quelli di titolarità degli enti territoriali, nonché le sanzioni, gli interessi ed ogni altro accessorio.

Leggi dopo

Le funzioni del commissario giudiziale nella fase successiva all'omologazione del concordato preventivo

08 Marzo 2017 | di Alessandro Ireneo Baratta, Giuseppe Sancetta

Commissario giudiziale

Considerata la modesta attenzione del legislatore verso la fase esecutiva del concordato preventivo, gli Autori approfondiscono le competenze del commissario giudiziale dopo il decreto di omologazione come delineate dal legislatore e dalla prassi, auspicando infine l’introduzione di una normativa che disciplini in maniera organica le funzioni di tale organo della procedura.

Leggi dopo

Le funzioni di controllo del commissario giudiziale

03 Marzo 2017 | di Daniele Fico

Commissario giudiziale

Le attività del commissario giudiziale si estrinsecano, come noto, nelle funzioni di vigilanza; di consulenza, attraverso l’assunzione di pareri; d’informazione o segnalazione agli organi della procedura, ad altri organi giudiziari e ad altri soggetti tra cui, principalmente, i creditori. L’autore si sofferma sulle funzioni di vigilanza del commissario giudiziale, anche alla luce delle recenti novità legislative, nella fase del concordato con riserva (ove tale organo sia nominato), in quella intercorrente dall’ammissione alla procedura concordataria all’omologazione e, infine, nella fase successiva all’omologa del concordato preventivo.

Leggi dopo

Le note di variazione in diminuzione IVA nel concordato preventivo

27 Febbraio 2017 | di Fabio Gallio

Adempimenti fiscali nel concordato preventivo

La Legge di Stabilità 2016, con i commi 126 e 127, con efficacia dal 1° gennaio 2017, aveva riscritto integralmente il testo dell’art. 26 del D.P.R. 633/1972 innovando profondamente la procedura inerente la “variazione IVA” da operare in caso di mancato pagamento da parte del cessionario/committente assoggettato ad una procedura concorsuale. Tale modifica normativa, però, è stata abrogata dall’art. 1, comma 567, lett. d), L. n. 232/2016, a decorrere dal 1° gennaio 2017 e, pertanto, non è mai entrata in vigore.

Leggi dopo

La consecuzione del fallimento al concordato preventivo

22 Febbraio 2017 | di Tommaso Iannaccone

Consecuzione di procedure

Il secondo comma dell’art. 69-bis l. fall. non si limita a sancire espressamente il principio, di elaborazione giurisprudenziale, della consecuzione delle procedure di concordato preventivo e fallimento, applicandosi anche ad ipotesi in cui, in passato, era pacificamente esclusa la retrodatazione del periodo sospetto legale.

Leggi dopo

Procedure concorsuali e rottamazione delle cartelle esattoriali: la prededucibilità del credito

15 Febbraio 2017 | di Matteo Lorenzo Manfredi

Prededuzione

Con il D.L. 22 Ottobre 2016 n. 193 recante “Disposizioni urgenti in materia fiscale e per il finanziamento di esigenze indifferibili” è stata previsa la possibilità per i debitori con carichi iscritti a ruolo tra il 2000 e il 2016, ancorché soggetti a procedure concorsuali disciplinate dalla Legge Fallimentare o che abbiano presentato istanza per l’accesso alla procedura di sovraindebitamento, di poter estinguere il relativo debito con il pagamento integrale delle somme dovute a titolo di capitale, interessi, aggio, rimborso delle spese per le procedure esecutive eventualmente già avviate e per la notifica della cartella di pagamento al netto delle sanzioni, interessi di mora che, quindi, in caso di definizione, non saranno più dovuti.

Leggi dopo

Pagine