Focus

Focus

Illegittima segnalazione a sofferenza alla Banca d’Italia: responsabilità civilistica e profili penalistici

17 Maggio 2016 | di Luca Mazzanti, Iacopo Santinelli

Centrale dei rischi

Originariamente, la giurisprudenza riteneva che dall’erronea o illegittima segnalazione alla Centrale Rischi della Banca d’Italia non derivasse in capo all’intermediario alcuna responsabilità risarcitoria. Successivamente, la giurisprudenza ha mutato il proprio indirizzo, giungendo a ritenere pacifica la responsabilità dell’intermediario; tuttavia, sono sorti contrasti circa l’individuazione della natura, contrattuale o extracontrattuale, della responsabilità dell’intermediario stesso.

Leggi dopo

Prime riflessioni sul DL 59/2016 (c.d. “Decreto Banche”)

09 Maggio 2016 | di Massimo Orlando

Fallimento: disciplina generale

Con la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale n. 102 del 3 maggio scorso, è entrato in vigore il c.d. Decreto Banche (d.l. n. 59/2016, recante “Disposizioni urgenti in materia di procedure esecutive e concorsuali, nonché a favore degli investitori in banche in liquidazione” ). L'Autore analizza il contenuto del testo normativo, offrendo una panoramica sulle principali novità, di natura processuale e sostanziale, in materia esecutiva e concorsuale.

Leggi dopo

Editoriale 6 maggio 2016

06 Maggio 2016 | di Filippo Lamanna

Fallimento: disciplina generale

Cari amici, non può certo esservi sfuggito – e forse ne sarete rimasti un po’ sorpresi o perplessi - che ilFallimentarista ha or ora adottato una nuova veste grafica. Si tratta di un format più moderno, compatto, intuitivo, strutturalmente integrato in modo uniforme con gli altri portali Giuffrè (l'AMMINISTRATIVISTA, ilFAMILIARISTA, ilGIUSLAVORISTA, ilPENALISTA, ilSOCIETARIO, ilTRIBUTARIO, RI.D.A.RE., ilPROCESSOTELEMATICO), i cui links d’accesso sono tutti contestualmente selezionabili e visibili sulla barra superiore della home-page.

Leggi dopo

L’iscrizione della sopravvenienza concordataria può essere accompagnata dall’allineamento degli altri valori di bilancio al piano approvato?

06 Maggio 2016 | di Chiara Ruffini, Mattia Berti

Riduzione del capitale sociale per perdite

Gli Autori propongono un’analisi della fase immediatamente successiva all’omologazione del concordato preventivo, approfondendo i profili relativi al trattamento contabile delle sopravvenienze concordatarie e le conseguenze sul requisito legale della preservazione del capitale sociale nella fase di attuazione del piano concordatario.

Leggi dopo

Il limite temporale al divieto di azioni esecutive nel concordato preventivo

27 Aprile 2016 | di Simone Marzo

Divieto di azioni esecutive e cautelari

Uno degli effetti della proposizione della domanda di concordato preventivo è quello previsto dall'art. 168, comma 1, l. fall. che vieta ai creditori per titolo o causa anteriore di iniziare o proseguire azioni esecutive e cautelari sul patrimonio del debitore. Indagando la ratio dell'istituto e la posizione della giurisprudenza, l'Autore propone un'ipotesi ricostruttiva in grado di rispondere alle problematiche concrete connesse al limite temporale dell'applicabilità del divieto in parola.

Leggi dopo

Procedure di allerta: obblighi degli organi di controllo e strumenti premiali

20 Aprile 2016 | di Ivan Libero Nocera

Insolvenza

Lo schema del disegno di legge delega “Per la riforma organica delle disciplina della crisi di impresa e dell’insolvenza” elaborato dalla Commissione Rordorf prevede, tra le altre novità, l’introduzione di procedure di allerta e mediazione volte ad agevolare la soluzione della crisi nelle sua fase più precoce. L’Autore sottolinea come per il successo dell’istituto sia decisiva la previsione di misure premiali per l’imprenditore che ricorra tempestivamente alla procedura e ne favorisca l’esito positivo.

Leggi dopo

La riforma della riscossione in relazione ai fatti estintivi delle procedure di concordato, ristrutturazione dei debiti, sovraindebitamento e piano del consumatore

14 Aprile 2016 | di Ignazio Arcuri

Riscossione coattiva

L’Autore approfondisce il tema della riscossione delle imposte nell’ambito delle procedure concorsuali di tipo non fallimentare, con particolare riguardo al coordinamento tra la disciplina concorsuale e la normativa sulla riscossione, evidenziandone i profili più problematici derivanti dal forzoso adattamento delle norme tributarie alla specificità di quelle concorsuali.

Leggi dopo

Il liquidatore giudiziale nel concordato preventivo: profili operativi e prassi dei tribunali

08 Aprile 2016 | di Alessandro Ireneo Baratta

Liquidatore giudiziale

Posta la prevalenza dei concordati liquidatori rispetto alle procedure con continuità aziendale e la centralità del ruolo del liquidatore giudiziale, figura trascurata non solo dal legislatore ma anche dalla dottrina, l’Autore approfondisce le competenze del liquidatore come delineate dalla prassi dei tribunali di merito nei decreti di omologazione delle procedure concordatarie, auspicando infine l’introduzione di una normativa che disciplini puntualmente i poteri di tale organo.

Leggi dopo

Segnalazione a sofferenza alla Banca d'Italia. Lo stato attuale della giurisprudenza

04 Aprile 2016 | di Luca Mazzanti, Iacopo Santinelli

Centrale dei rischi

Premessi brevi cenni storici e tratteggiata la disciplina della normativa in tema di segnalazione alla Centrale Rischi della Banca d’Italia, gli Autori analizzano le più recenti pronunce giurisprudenziali che si sono occupate del requisito dell’insolvenza del cliente, costituente il presupposto per la segnalazione a sofferenza, soffermandosi a valutare le possibili conseguenze della contestazione del credito da parte del cliente, nonché l’obbligo di preventiva comunicazione al cliente, da parte dell’intermediario, dell’imminente segnalazione a sofferenza.

Leggi dopo

La disciplina europea ed italiana del trattamento dei dati personali nei registri fallimentari

30 Marzo 2016 | di Giorgio Corno

Pubblico registro dei falliti

Dopo aver esaminato (nel contributo: "La disciplina europea ed italiana dei registri fallimentari") le novità in materia di registri fallimentari, l’Autore si sofferma sulla disciplina del trattamento dei dati personali pubblicati in tali registri, volta a regolare il difficile equilibrio fra il diritto all’informazione e il diritto ad un trattamento dei dati personali dei soggetti interessati.

Leggi dopo

Pagine