Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata su Concordato preventivo: disciplina generale

Gli effetti del concordato sulle esecuzioni a carico del socio illimitatamente responsabile

22 Novembre 2017 | di Paolo Bosticco

Tribunale di Lecco

Concordato preventivo: disciplina generale

Nell’ambito del concordato preventivo con soci illimitatamente responsabili il creditore beneficiario di ipoteca su beni personali deve essere interamente soddisfatto affinchè possa sospendersi l’esecuzione sul bene concesso in garanzia; in alternativa, l’esecuzione proseguirà limitatamente alla percentuale non coperta dal soddisfo previsto nel piano concordatario.

Leggi dopo

I compensi dei professionisti nel concordato: natura delle prestazioni e disciplina applicabile

12 Settembre 2017 | di Luigi Amerigo Bottai

Cass. Civ.

Concordato preventivo: disciplina generale

Il pagamento di crediti dei professionisti nominati dall’imprenditore per la predisposizione della domanda di concordato preventivo ovvero in occasione della relativa proposta, effettuato, a seguito del deposito del ricorso ex art. 161, comma 6, l.fall., senza autorizzazione del tribunale, non comporta, necessariamente, la declaratoria di inammissibilità del concordato, ai sensi dell’art. 173 l.fall., in ragione dell’automatica classificazione di tali pagamenti tra gli atti di straordinaria amministrazione, quali crediti non prededucibili in mancanza del decreto di ammissione al concordato suddetto.

Leggi dopo

Il dictum delle S.U. sull'impugnabilità dei provvedimenti emessi nella procedura di concordato

04 Settembre 2017 | di Vincenzo Palladino

Cass. Civ. – Sez. Un.

Concordato preventivo: disciplina generale

Il decreto con cui il tribunale dichiara l’inammissibilità della proposta di concordato, ai sensi dell’art. 162, comma 2, l.fall. (anche eventualmente a seguito della mancata approvazione della proposta, ai sensi dell’art. 179, comma 1) ovvero revoca l’ammissione alla procedura di concordato, ai sensi dell’art. 173, senza emettere consequenziale sentenza dichiarativa del fallimento del debitore, non è soggetto a ricorso per cassazione ai sensi dell’art. 111, comma 7, Cost. non avendo carattere decisorio.

Leggi dopo

Concordato liquidatorio: condizioni legali di ammissibilità e principio di atipicità della proposta

11 Agosto 2017 | di Antonio Di Iulio

Tribunale di Bergamo

Concordato preventivo: disciplina generale

Il rispetto della disposizione dettata dall’ultimo comma dell’art. 160 l.fall. costituisce una condizione di ammissibilità della proposta di concordato e, pertanto, nell’ipotesi in cui dovesse ritenersi certa l’inidoneità del piano concordatario ad assicurare il pagamento del ceto chirografario nella percentuale minima di legge del venti per cento, la procedura deve essere revocata per l’acclarata mancanza di una condizione di ammissibilità della proposta di concordato. Il tema del valore dei beni ceduti alla massa dei creditori incide direttamente sulla..

Leggi dopo

Riduzione del capitale sociale antecedente alla proposta di concordato e dovere di informazione ai creditori

24 Aprile 2017 | di Daniele Fico

Cass. Civ.

Concordato preventivo: disciplina generale

Costituisce atto di frode rilevante per la revoca del concordato preventivo ai sensi dell’art. 173 l. fall. la mancata dettagliata informazione ai creditori di un’operazione di riduzione del capitale sociale posta in essere in relazione logico-temporale prossima alla rappresentazione in sede giudiziale della crisi, che abbia notevolmente ridotto il patrimonio della società, non avendo a tal fine alcuna rilevanza la circostanza che nessuno dei creditori abbia impugnato la delibera di riduzione ai sensi dell’art. 2482 c.c. nei novanta giorni dalla pubblicazione nel registro delle imprese.

Leggi dopo

Concordato preventivo e accordi di ristrutturazione: il ricorso straordinario in Cassazione

04 Aprile 2017 | di Beatrice Armeli

Cass. Civ. - Sez. Un.

Concordato preventivo: disciplina generale

Il decreto con cui la Corte d’appello, decidendo sul reclamo ai sensi dell’art. 183, comma 1, richiamato dall’art. 182-bis, comma 5, l.fall., provvede in senso positivo o negativo in ordine all’omologazione dell’accordo di ristrutturazione dei debiti, ha carattere decisorio ed è pertanto soggetto, non essendo previsti altri mezzi d’impugnazione, a ricorso straordinario per Cassazione ai sensi dell’art. 111, comma 7, Cost.

Leggi dopo

Linee di credito autoliquidanti e scioglimento ex art. 169 bis l.fall.

07 Dicembre 2016 | di Valeria Bisignano

Tribunale di Bergamo
Corte di Appello di Brescia

Concordato preventivo: disciplina generale

Qualora una società, in sede di ammissione alla procedura di concordato preventivo in continuità, venga autorizzata allo scioglimento, ex art. 169-bis L.F., di alcuni contratti bancari assicuranti linee di credito autoliquidanti, allo scioglimento del rapporto principale consegue anche quello di tutti i patti accessori, incluso il patto di compensazione.

Leggi dopo

Accertamento dei crediti nel concordato: inammissibile il reclamo al G.D.

11 Ottobre 2016 | di Andrea Paganini

Tribunale di Padova

Concordato preventivo: disciplina generale

È inammissibile il reclamo al Giudice Delegato per il riesame dei crediti relativi a un concordato preventivo omologato poiché questo strumento impugnatorio non è previsto per tale fattispecie.

Leggi dopo

Concordato preventivo: prime applicazioni delle nuove disposizioni di cui al d.l. 83/2015

25 Novembre 2015 | di Chiara Ravina

Tribunale di Pistoia

Concordato preventivo: disciplina generale

Deve ritenersi che la nuova disposizione di cui all’art. 161, comma 2, lett. e), l. fall., anche se prevede che “in ogni caso la proposta deve indicare l’utilità specificamente individuata ed economicamente valutabile che il proponente si obbliga ad assicurare a ciascun creditore”, non si risolva nell’introdurre un vincolo contenutistico della proposta che possa qualificarsi in termini di promessa di pagamento di una determinata percentuale del credito (salvo espressa indicazione in tal senso contenuta nella proposta). In un concordato con cessione dei beni l’utilità “assicurata” ai creditori è costituita dai beni messi a disposizione, posto che una cosa è l’utilità ceduta, altra cosa è la misura della soddisfazione da essa ottenibile, rispetto alla quale, in assenza di espressa obbligazione in tal senso, non vi è un impegno da parte del debitore.

Leggi dopo

Alcune considerazioni in tema di pagamento di crediti anteriori nel concordato

07 Maggio 2015 | di Vincenzo Palladino

Tribunale di Milano

Concordato preventivo: disciplina generale

La tesi dell’estraneità al concordato dei creditori funzionali beneficiari di un pagamento immediato appare contraria al disposto dell’art. 184 l. fall. che prevede che il concordato è obbligatorio per tutti i creditori anteriori, norma alla quale non si sottrae il concordato con continuità aziendale; né a tale norma si possono sottrarre i creditori anteriori per prestazioni “strategiche”, ove tali vengano definiti nella proposta. Il che comporta che il creditore anteriore strategico/funzionale soggiace alla disciplina concordataria (compreso l’art. 55 l. fall.), né può compiere (diversamente dai creditori estranei al concordato) atti di esecuzione sulla società in C.P. in caso di mancato adempimento dell’obbligo di pagamento.

Leggi dopo

Pagine