Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata su Atti di frode

Rilevanza della frode ai creditori nel giudizio di omologazione del concordato

15 Giugno 2016 | di Stefania Ligas

Tribunale di Ravenna

Atti di frode

Nell’atto di frode rilevante ai sensi dell’art. 173 l. fall., non rientra qualunque comportamento che anche indirettamente possa risultare tale da incidere sulle future aspettative del ceto creditorio, ma solo il comportamento consistente nella condotta volta ad occultare situazioni di fatto idonee ad influire sul giudizio dei creditori stessi e quindi tali che, se conosciute, avrebbero presumibilmente comportato una diversa e negativa valutazione della proposta.

Leggi dopo

Atti in frode ai fini della revoca del concordato: la visione della Cassazione

06 Ottobre 2014 | di Marco Angelo Russo

Cass. Civ.

Atti di frode

La nozione di atto in frode con valenza ingannatoria ai fini della revoca del concordato ex art. 173, comma 1, l. fall. presuppone che il debitore abbia occultato situazioni di fatto idonee ad influire sul giudizio dei creditori e che siano state “scoperte” dal commissario.

Leggi dopo

Atti di frode anteriori al concordato tra disclosure e poteri del commissario giudiziale

19 Marzo 2014 | di Edgardo Ricciardiello

Tribunale di Bergamo

Atti di frode

L’accertamento di atti di frode commessi dal debitore in epoca antecedente alla presentazione della domanda di concordato è causa di improcedibilità della domanda ai sensi del combinato disposto di cui agli artt. 161, comma 6 e 173 l. fall. cui consegue la dichiarazione di fallimento qualora sussistano i relativi presupposti.

Leggi dopo

Contenuto e limiti degli atti di frode nella revoca del concordato preventivo

17 Gennaio 2014 | di Elena Genero

Tribunale di Padova

Atti di frode

Nel concordato preventivo, il procedimento di cui all’art. 173 l. fall può essere attivato in qualsiasi momento e il Tribunale può revocare il provvedimento di ammissione al concordato anche in sede di discussione sull’omologa dello stesso.

Leggi dopo

Atti in frode avvenuti prima della presentazione della domanda di concordato preventivo

08 Agosto 2013 | di Maddalena Arlenghi

Corte d'Appello di Roma

Atti di frode

Gli atti in frode ostativi all'accoglimento della proposta concordataria della società debitrice devono ravvisarsi anche in quei fatti avvenuti prima della presentazione della domanda di concordato che hanno fraudolentemente diminuito e/o dissipato e/o distratto il patrimonio sociale a danno dei creditori, purchè posti in essere con lo scopo di avvalersi dello strumento concordatario, ponendo i creditori di fronte ad una situazione compromessa; sotto il profilo delle garanzie patrimoniali in modo da far accettare ai creditori stessi un piano migliore di quello acquisibile in sede liquidatoria; o, nel caso di loro occultamento, in quegli atti posti in essere dall'imprenditore; al fine di alterare la percezione dei creditori sulla reale situazione del debitore, influenzandone il giudizio.

Leggi dopo

Rinuncia alla domanda e contestuale ricorso per preconcordato in pendenza di revoca dell’ammissione per atti in frode

09 Aprile 2013 | di Melania Ranieli

Tribunale di Parma

Atti di frode

Al concordato preventivo si applica l’art. 306 c.p.c. con la conseguenza che la rinuncia alla procedura deve essere accettata dalle altre parti. La mancata accettazione da parte di un creditore istante impedisce l’estinzione del procedimento con conseguente inammissibilità della nuova domanda di concordato depositata dopo la rinuncia.

Leggi dopo