Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata su Concordato con riserva

L’applicabilità al preconcordato dell’obbligo di audizione del debitore

17 Ottobre 2016 | di Giovanni Falcone

Cass. Civ.

Concordato con riserva

Ove sia stata presentata proposta di concordato preventivo cd. “in bianco” ai sensi dell’art. 161, comma 6, l. fall., va rispettato l’obbligo di audizione del debitore ex art. 162, comma 2, l. fall. per consentire allo stesso di svolgere le proprie difese prima della pronuncia di inammissibilità, salvo che, inserendosi la proposta nell’ambito della procedura prefallimentare, il debitore sia stato comunque sentito in relazione alla proposta ed abbia avuto modo di svolgere le sue difese.

Leggi dopo

Al preconcordato introdotto prima della c.d. miniriforma si applicano le nuove norme?

27 Maggio 2016 | di Giannino Bettazzi

Tribunale di Trento

Concordato con riserva

Le modifiche apportate dal d.l. n. 83/2015 non si applicano ai procedimenti di concordato preventivo, compresi quelli di cui all’art. 161, comma 6, l. fall., i cui ricorsi introduttivi siano stati depositati prima dell’entrata in vigore delle norme novellatrici. La locuzione “procedimenti di concordato preventivo introdotti” contenuta nell’art. 23 d.l. 83/2015, recante la disciplina transitoria delle nuove norme, deve intendersi riferita anche ai procedimenti instaurati ex art. 161, comma 6, l. fall.

Leggi dopo

La nomina dell’ausiliario nel preconcordato e la nomina del commissario giudiziale introdotta dal decreto del Fare

28 Ottobre 2013 | di Maria Grazia Sirna

Tribunale di Reggio Emilia
Tribunale di Como

Concordato con riserva

Nel caso in cui la domanda di concordato con riserva, ex art. 161, comma 6, l. fall., contenga istanze di autorizzazione al compimento di atti di straordinaria amministrazione e/o relativi allo scioglimento o alla sospensione di contratti in corso di esecuzione, oppure dalla domanda medesima siano desumibili profili di complessità della procedura in ragione della prevista e dichiarata continuazione dell'attività di impresa, il Tribunale, su istanza del ricorrente, o motu proprio al fine assicurare una costante vigilanza sull'attività di impresa, può nominare un organo ausiliario ex art. 68 c.p.c., essendo tale nomina ammissibile in funzione delle informazioni da assumere ex art.161, comma 5, l. fall. (massima).

Leggi dopo

Sulla modulazione giudiziale del termine per l’integrazione della domanda di preconcordato

07 Maggio 2013 | di Francesca Calagna

Tribunale di Vicenza

Concordato con riserva

Nell'ipotesi di domanda di concordato in bianco ex art. 161 l. fall., il Tribunale deve concedere il termine minimo di 60 gg. per l'integrazione della domanda con il deposito della documentazione, se non vi sono motivazioni particolari che giustifichino la concessione di un termine maggiore.

Leggi dopo

Criteri di fissazione del termine richiesto con la nuova domanda prenotativa di concordato

06 Maggio 2013 | di Antonia Mussa

Tribunale di Treviso

Concordato con riserva

Per stabilire quale termine concedere quando viene proposta domanda prenotativa ai sensi dell’art. 161, comma 6, l. fall. il Tribunale deve valutare lo stato di crisi dell’impresa e la sussistenza dei requisiti dimensionali previsti dall’art. 1 l. fall., nonché la completezza della documentazione richiesta dalla legge a corredo della domanda prenotativa.

Leggi dopo

Il nuovo preconcordato: profili di inammissibilità ed abuso del diritto

20 Febbraio 2013 | di Alessandra Giovetti

Tribunale di Milano

Concordato con riserva

Il decreto in commento, con cui il Tribunale di Milano ha dichiarato inammissibile una domanda di c.d. preconcordato ex art. 161, comma 6, l. fall., offre lo spunto per affrontare alcune tematiche di particolare interesse in relazione al nuovo istituto. Preliminarmente, giova inquadrare brevemente la fattispecie in esame.

Leggi dopo

Domanda di preconcordato: requisiti formali e di legittimità, fissazione del termine di moratoria, obblighi informativi

04 Febbraio 2013 | di Francesco Cancelli

Tribunale di Bolzano

Concordato con riserva

Il Tribunale è l’organo competente all’adozione del decreto di cui al comma 6 dell’art. 161 l. fall.. Il Giudice relatore, su delega del Presidente, può effettuare una pre-istruttoria ed acquisire informazioni pertinenti e funzionali alla valutazione del Collegio.

Leggi dopo

Pagine