News

News

Liquidazione coatta amministrativa e sorte del processo di legittimità: è possibile una sua prosecuzione?

29 Maggio 2020 | di Eleonora M.P. Ruggieri

Cass. Civ., sez. I

Liquidazione coatta amministrativa

La messa in liquidazione coatta amministrativa di una banca, al pari della dichiarazione di fallimento, non determina l’interruzione del processo di legittimità. Tuttavia, poiché anche nella liquidazione coatta amministrativa tutti i crediti devono essere azionati in sede di formazione e verifica dello stato passivo davanti agli organi della procedura, la domanda formulata in sede di cognizione ordinaria, se proposta prima dell’inizio della procedura concorsuale, diventa improcedibile e tale improcedibilità è rilevabile d’ufficio anche nel giudizio di Cassazione, discendendo da norme inderogabilmente dettate a tutela del principio della par condicio creditorum.

Leggi dopo

In caso di reati tributari sono sequestrabili le somme costituenti attivo fallimentare?

28 Maggio 2020 | di Enrico Fontana

Sequestro

La misura ablatoria reale, in virtù del suo carattere obbligatorio, da riconoscere sia alla confisca diretta che a quella per equivalente, è destinata a prevalere su eventuali diritti di credito gravanti sul medesimo bene, a prescindere dal momento in cui intervenga la dichiarazione di fallimento, non potendosi attribuire alla procedura concorsuale che intervenga prima del sequestro effetti preclusivi rispetto all’operatività della cautela reale disposta nel rispetto dei requisiti di legge e ciò a maggior ragione nell’ottica della finalità evidentemente sanzionatoria perseguita dalla confisca espressamente prevista in tema di reati tributari.

Leggi dopo

No alla prededuzione se il professionista ha taciuto atti in frode rilevanti ex art. 173 l. fall.

22 Maggio 2020 | di Andrea Paganini

Cass. Civ.

Prededuzione

L'art. 111, comma 2, l. fall. riconosce la prededuzione per il credito del professionista che abbia assistito l'imprenditore per accedere ad una procedura concordata della crisi di impresa anche nel caso in cui il risanamento non riesca e subentri il fallimento. La prededuzione, tuttavia, non può essere accordata se la procedura concordataria è stata revocata ex art. 173 l. fall. per la scoperta di atti in frode dell'imprenditore condivisi dal professionista stesso. In questo caso la prestazione del professionista sarebbe infatti estranea alle forme di soluzione concordata alla crisi di impresa che l'art. 111 l. fall. intende favorire con la prededuzione dei crediti relativi. Così la Corte di Cassazione con ordinanza n. 9027/20 depositata il 15 maggio.

Leggi dopo

Anche la revocatoria “in via breve” è soggetta al “doppio termine”?

21 Maggio 2020 | di Vincenzo Papagni

Cass. Civ., sez. I

Azione revocatoria fallimentare

La pronuncia in rassegna pone al centro dell’attenzione la vexata quaestio generata dai termini decadenziali, di cui all’art. 69-bis, comma 1, l.fall. In particolare, si tratta di stabilire se il “doppio termine”, valga, o meno, anche per la cosiddetta revocatoria incidentale, (o “in via breve”).

Leggi dopo

Speciale Coronavirus

20 Maggio 2020 | di La Redazione

Crisi d'impresa e insolvenza

Il decreto Cura Italia (D.L. 17 marzo 2020, n. 18) approvato lunedì 16 marzo dal Consiglio dei Ministri e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 70 del 17 marzo, è il più recente di una serie di provvedimenti che il Governo ha adottato per fronteggiare l'emergenza Coronavirus.

Leggi dopo

Il Decreto Rilancio in Gazzetta con misure per imprese, famiglie ma anche per il sistema giustizia

20 Maggio 2020 | di La Redazione

Crisi d'impresa e insolvenza

È stato pubblicato sul Supplemento Ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 128 del 19 maggio 2020 il decreto legge n. 34 recante misure urgenti in materia di salute, sostegno al lavoro e all’economia, nonché di politiche sociali connesse all’emergenza epidemiologica da COVID-19.

Leggi dopo

Osservatorio sulla Cassazione – Aprile 2020

15 Maggio 2020

Fallimento: disciplina generale

Torna l'appuntamento mensile con l'Osservatorio, una selezione delle più interessanti sentenze di legittimità depositate nel mese di Aprile.

Leggi dopo

Approvato il Decreto Rilancio. Ecco le misure di sostegno per le imprese

14 Maggio 2020 | di La Redazione

Aumento di capitale con esclusione del diritto d'opzione

Il decreto rilancio è stato approvato dal Consiglio dei Ministri n. 45 del 13 maggio 2020. Sono diverse le misure previste a sostegno di imprese e professionisti colpiti dall’emergenza epidemiologica.

Leggi dopo

Il Presidente del Tribunale può delegare al giudice incaricato la facoltà di abbreviare i termini di comparizione del fallendo

14 Maggio 2020 | di La Redazione

Cass. Civ., sez. I, 7 maggio 2020, n. 8611

Istruttoria prefallimentare

Nell’ambito del procedimento prefallimentare, la valutazione della ricorrenza delle particolari ragioni d’urgenza, che giustificano l’abbreviazione del termine per la comparizione del debitore, compete solo al presidente del tribunale, il quale può disporla anche d’ufficio; tuttavia, la facoltà di abbreviare i termini per la comparizione del debitore è delegabile dal presidente del tribunale al giudice incaricato dell’esame del ricorso di fallimento, ai sensi del combinato disposto dei commi 3 e 5 dell’art. 15 Legge Fall..

Leggi dopo

La domanda di concordato preventivo può salvare l’imprenditore dal reato di omesso versamento delle imposte?

13 Maggio 2020 | di La Redazione

Cass. pen., sez. III, 5 maggio 2020, n. 13628

Chiusura del concordato preventivo

In caso di crisi dell’impresa, l’imprenditore che sia consapevole di avere un debito fiscale che verrà a scadenza certa, deve ponderare la miglior soluzione valutando anche le conseguenze penali dell’eventuale omissione del pagamento dei debiti tributari, «non potendo poi opporre, per escludere la sua penale responsabilità, unicamente l’aver dato corso alla procedura negoziale di risoluzione della crisi d’impresa».

Leggi dopo

Pagine