News

News su Contenzioso tributario

Il fallimento della società legittima l’urgenza dell’avviso di accertamento

08 Febbraio 2019 | di La Redazione

Cass. Civ.

Contenzioso tributario

La dichiarazione di fallimento del contribuente sotto verifica fiscale consente l’emissione dell’avviso di accertamento senza l’osservanza del termine dilatorio di cui all’art. 12, comma 7, l. n. 212/2000.

Leggi dopo

L’intervenuto fallimento giustifica l’emissione anticipata dell’avviso di accertamento

13 Aprile 2018 | di La Redazione

Cass. Civ.

Contenzioso tributario

In materia di garanzie del contribuente sottoposto a verifiche fiscali, l’intervenuta dichiarazione di fallimento di quest’ultimo giustifica l’emissione dell’avviso di accertamento senza l’osservanza del termine dilatorio di cui all’art. 12, comma 7, L. n. 212/2000, a prescindere dalla sua esternazione all’interno dell’atto impositivo, non richiesta dallo Statuto del contribuente, né da altra specifica disposizione, discendendo l’urgenza dalla necessità dell’Erario di procurarsi tempestivamente il titolo utile per insinuarsi al passivo fallimentare.

Leggi dopo

Prescrizione dei crediti tributari e giudice competente

14 Giugno 2017 | di La Redazione

Cass. Civ. – Sez. Un.

Contenzioso tributario

Laddove in sede di ammissione al passivo sia eccepita dal curatore la prescrizione di crediti tributari successivamente alla notifica della cartella di pagamento, la giurisdizione sulla controversia spetta al giudice tributario.

Leggi dopo

L’estratto di ruolo non è autonomamente impugnabile

29 Marzo 2013 | di La Redazione

Cass. Civ.

Contenzioso tributario

L’estratto di ruolo, che è atto interno all’Amministrazione, non può essere impugnato autonomamente davanti al giudice tributario perché, in assenza della notifica di un atto impositivo, manca l’interesse concreto e attuale ex art. 100 c.p.c. a radicare una lite tributaria; l’estratto di ruolo, quindi, può essere impugnato solo a seguito di notifica della cartella. Lo ha affermato la Sezione Tributaria della Cassazione, con la sentenza n. 6906 del 20 marzo scorso.

Leggi dopo