News

News

Le pene accessorie di durata non fissa devono essere determinate dal giudice

04 Luglio 2019 | di La Redazione

Cass. Pen.

Bancarotta fraudolenta

Le pene accessorie per le quali la legge indica un termine di durata non fissa, devono essere determinate in concreto dal giudice in base ai criteri di cui all'art. 133 c.p.. Con la sentenza, le Sezioni Unite della Cassazione superano il proprio precedente orientamento espresso nella pronuncia n. 6240/2015.

Leggi dopo

Gli oneri della banca nell’insinuazione al passivo fallimentare

03 Luglio 2019 | di La Redazione

Cass. Civ.

Ammissione al passivo: effetti, inammissibilità e rinuncia

In materia di ammissione al passivo fallimentare, qualora la banca voglia insinuare il credito da saldo negativo di conto corrente, essa avrà l’onere di rendere conto della intera evoluzione del rapporto attraverso il deposito degli estratti conto integrali.

Leggi dopo

La Direttiva sulla ristrutturazione e sull’insolvenza pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale europea

28 Giugno 2019 | di La Redazione

Direttiva UE

Insolvenza

È stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea L172 del 26 giugno la direttiva (UE) 2019/1023, riguardante i quadri di ristrutturazione preventiva, l’esdebitazione e le interdizioni, e le misure volte ad aumentare l’efficacia delle procedure di ristrutturazione, insolvenza ed esdebitazione

Leggi dopo

Osservatorio sulla Cassazione - Maggio 2019

26 Giugno 2019 | di La Redazione

Fallimento: disciplina generale

Torna l'appuntamento con l'osservatorio sulla Corte di Cassazione: una rassegna delle più interessanti sentenze di legittimità depositate nel mese di maggio.

Leggi dopo

Trasformazione eterogenea della società e fallimento

24 Giugno 2019 | di La Redazione

Cass. Civ.

Trasformazione eterogenea

Nelle ipotesi di trasformazioni eterogenee - nella quale si assiste al passaggio da una società ad una comunione di godimento di azienda o comunque da una società ad una impresa individuale - si determina sempre un rapporto di successione tra soggetti distinti, perché persona fisica e persona giuridica si distinguono appunto per natura e non solo per forma, con la conseguenza che la nascita di una comunione indivisa tra due o più persone fisiche (cui l’ente collettivo trasferisca il proprio patrimonio) non preclude la dichiarazione del fallimento della società entro il termine di un anno dalla sua eventuale cancellazione dal registro delle imprese.

Leggi dopo

Procedure concorsuali: uno studio S.I.S.CO. sulle novità

21 Giugno 2019 | di La Redazione

Locandina.pdf

Crisi d'impresa e insolvenza

Si terrà a Milano, il prossimo 25 giugno, un pomeriggio di studio tra i soci S.I.S.CO. (Società Italiana di Studi Concorsuali) avente ad oggetto le novità legislative e giurisprudenziali in materia di procedure concorsuali e l’aggiornamento sulle determinazioni del plenum della Sezione fallimentare del Tribunale di Milano.

Leggi dopo

La prova dei requisiti di fallibilità nel ricorso per autofallimento

18 Giugno 2019 | di La Redazione

Cass. Civ. - Sez. I - 14 giugno 2019 - n. 16117, sent.

Soglie di fallibilità

Ai fini della prova della sussistenza dei requisiti di non fallibilità (oppure dei requisiti di fallibilità in caso di ricorso per la dichiarazione di fallimento presentato dallo stesso imprenditore) sono ammissibili strumenti probatori alternativi al deposito dei bilanci degli ultimi tre esercizi, tuttavia gli eventuali strumenti probatori alternativi devono avere ineluttabilmente riferimento, con riguardo ai requisiti dimensionali, al medesimo periodo cui si riferisce l’art. 1 l. fall. (ovvero gli ultimi tre esercizi).

Leggi dopo

Alla Consulta il divieto di partecipazione alla gara dell'impresa in concordato con continuità

14 Giugno 2019 | di La Redazione

Cons. St., Sez. V, 12 giugno 2019, n. 3938.pdf

Cons. St., Sez. V, 12 giugno 2019, n. 3938.pdf

Concordato con continuità aziendale

La Quinta Sezione del Consiglio di Stato dubita della legittimità costituzionale dell’art. 186 - bis, comma 6, R.d. 16 marzo 1942, n. 267, aggiunto dall’art. 33, comma 1, lett. h) d.l. 22 giugno 2012, n. 83 conv. con m. nella l. 7 agosto 2012, n. 134 nella parte in cui prevede che “Fermo quanto previsto dal comma precedente, l’impresa in concordato può concorrere anche riunita in raggruppamento temporaneo di imprese, purché non rivesta la qualità di mandataria e sempre che le altre imprese aderenti al raggruppamento non siano assoggettate ad una procedura concorsuale”.

Leggi dopo

Crisi bancarie e fondo indennizzo risparmiatori: in G.U. il decreto

13 Giugno 2019 | di La Redazione

MEF – Decreto 10 maggio 2019

Crisi bancarie

Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 135 dell’11 giugno il decreto 10 maggio 2019 con cui il Ministero dello Sviluppo Economico ha definito le modalità di accesso alle prestazioni del Fondo indennizzo Risparmiatori (FIR).

Leggi dopo

Consecuzione di procedure e prededucibilità dei crediti

12 Giugno 2019 | di La Redazione

Cass. Civ. – Sez. I – 11 giugno 2019 – n. 15724, sent..pdf

Cass. Civ. – Sez. I – 11 giugno 2019 – n. 15724, sent..pdf

Crediti prededucibili

La prededuzione attribuisce non una causa di prelazione ma una precedenza processuale, in ragione della strumentalità dell’attività da cui il credito consegue agli scopi della procedura, onde renderla più efficiente.

Leggi dopo

Pagine