News

News

Osservatorio sulla Cassazione - Luglio e Agosto 2019

24 Settembre 2019 | di La Redazione

Fallimento: disciplina generale

Torna l'appuntamento con l'osservatorio sulla Corte di Cassazione: una rassegna delle più interessanti sentenze di legittimità depositate nei mesi di luglio e agosto.

Leggi dopo

Trasmessi al Mise gli indicatori della crisi

23 Settembre 2019 | di La Redazione

Crisi d'impresa e insolvenza

È stato trasmesso al Ministero dello Sviluppo Economico, per l’approvazione definitiva con apposito decreto, il documento contenente gli indicatori della crisi, di cui all’art. 13, comma 1, c.c.i., varato dal Gruppo di Lavoro del Cndcec ...

Leggi dopo

Proposta concordataria dilatoria: inopponibile al fallimento il credito dell’avvocato

19 Settembre 2019 | di La Redazione

Cass. Civ. – Sez. VI – 16 settembre 2019 – n. 23004, ord.

Domanda di concordato

Deve essere esclusa l’opponibilità al fallimento del credito relativo all’incarico conferito all’avvocato per la presentazione di una proposta concordataria in assenza di autorizzazione del giudice delegato e conferito per esigenze personali e dilatorie.

Leggi dopo

La prededuzione delle spese nel procedimento di opposizione al fallimento

13 Settembre 2019 | di La Redazione

Cass. Civ.

Crediti prededucibili

Le spese sostenute dal creditore istante nel giudizio di opposizione alla dichiarazione di fallimento non sono ammesse in prededuzione, senza che assuma rilievo la sua qualità di litisconsorte necessario, non potendosi desumere da essa l’inerenza delle spese sostenute all'amministrazione del fallimento o alla sua conservazione.

Leggi dopo

La pubblicità nelle procedure di vendita competitiva

10 Settembre 2019 | di La Redazione

Cass. Civ.

Vendite competitive

Lo svolgimento di una procedura competitiva ex art. 107 l.fall. non può svolgersi in tempi eccessivamente ristretti, ma richiede la previsione di un periodo di tempo idoneo a consentire lo svolgimento della pubblicità e la diffusione a terzi dell'invito a partecipare nonché la predisposizione di mezzi idonei a garantire una conoscenza approfondita del bene che si pone in vendita.

Leggi dopo

L’azione di responsabilità esercitata dal curatore si prescrive in cinque anni

06 Settembre 2019 | di La Redazione

Cass. Civ.

Curatore fallimentare: ruolo e funzioni

L’azione sociale di responsabilità, pur quando sia esercitata dal curatore del fallimento, si prescrive nel termine di cinque anni, con decorrenza dal momento dell’oggettiva percepibilità, da parte dei creditori, dell’insufficienza dell’attivo a soddisfare i debiti: la prescrizione decorre, cioè, dal momento in cui l’insufficienza del patrimonio sociale al soddisfacimento dei crediti risulti da qualsiasi fatto che possa essere conosciuto.

Leggi dopo

Attivo fallimentare pari a zero e compenso del curatore

28 Agosto 2019 | di La Redazione

Cass. Civ.

Curatore fallimentare: ruolo e funzioni

Il compenso del curatore fallimentare va determinato applicando le percentuali sull'attivo (se esistente) e quelle sul passivo secondo i criteri di cui all'art. 1 d.m. n. 570/1992.

Leggi dopo

Codice della crisi e dell'insolvenza: l'analisi di Assonime

23 Agosto 2019 | di La Redazione

Crisi d'impresa e insolvenza

Con la circolare n. 19, Assonime ha esaminato le disposizioni del Codice della crisi d'impresa e dell'insolvenza relative ai profili societari e alle misure per la rilevazione, segnalazione e gestione della crisi e dell’insolvenza, i soggetti coinvolti e gli obblighi e le responsabilità posti in capo agli organi sociali.

Leggi dopo

Insinuazione al passivo: la PEC relativa all'esito fa decorrere il termine per l’opposizione

12 Agosto 2019 | di La Redazione

Cass. Civ.

Ammissione al passivo: effetti, inammissibilità e rinuncia

Viene rigettato il ricorso proposto dal creditore di un Fallimento la cui opposizione al passivo era stata dichiarata tardiva dal Tribunale. Inutile infatti invocare la necessità che il curatore proceda ad una doppia comunicazione, a mezzo telefax e PEC, circa l’esito della richiesta di insinuazione al passivo.

Leggi dopo

La risoluzione per inadempimento del concordato con cessione dei beni

01 Agosto 2019 | di La Redazione

Cass. Civ.

Risoluzione e annullamento del concordato

Il concordato preventivo con cessione di beni deve essere risolto, a norma dell’art. 186 l.fall., qualora emerga che esso sia venuto meno alla sua funzione di soddisfare i creditori nella misura promessa, a meno che l’inadempimento non abbia scarsa importanza.

Leggi dopo

Pagine