News

News

Amministrazione straordinaria: la Camera approva il DDL

11 Maggio 2017 | di La Redazione

Disegno di Legge C. 3671-ter.pdf

Amministrazione straordinaria: disciplina generale

La X Commissione Attività produttive della Camera dei Deputati, in sede di Comitato dei Nove, ha approvato, nella giornata di ieri, il disegno di legge C. 3671-ter per la “Delega al governo in materia di amministrazione straordinaria delle grandi imprese in stato di insolvenza”.

Leggi dopo

Revoca del fallimento e azione revocatoria: la legittimazione del singolo creditore

09 Maggio 2017 | di La Redazione

Cass. Civ.

Azione revocatoria ordinaria

Il singolo creditore può riassumere l’azione revocatoria ordinaria proposta dal curatore fallimentare dopo l’interruzione determinata dalla perdita della capacità processuale dello stesso per intervenuta revoca del fallimento.

Leggi dopo

Il contratto preliminare di compravendita nel fallimento

05 Maggio 2017 | di La Redazione

Cass. Civ.

Contratto preliminare

In tema di contratto preliminare pendente alla dichiarazione di fallimento, il mero silenzio della promittente venditrice, protratto a lungo, non può essere significativo della volontà di eseguire il contratto, valendo solo a mantenere lo stesso in uno stato di quiescenza che consente al commissario liquidatore l’esercizio della propria scelta potestativa recessiva.

Leggi dopo

L’azione revocatoria proposta dal curatore: il punto delle Sezioni Unite

27 Aprile 2017 | di La Redazione

Cass. Civ.

Azione revocatoria ordinaria

L’azione revocatoria ordinaria proposta dal curatore ex art. 66 l.fall. si connota di caratteristiche tali da giustificarne la qualifica di azione direttamente derivante da una procedura d’insolvenza e ad essa strettamente connessa.

Leggi dopo

Abusiva concessione di credito all’impresa in crisi: la responsabilità concorrente della banca

26 Aprile 2017 | di La Redazione

Cass. Civ.

Azioni di creditori e organi di procedure concorsuali verso amministratori

Il curatore del fallimento di una società è legittimato ad agire, ex artt. 146 l. fall. e 2393 c.c., nei confronti della banca, ove risulti che questa sia responsabile, in solido con gli amministratori, per il danno cagionato alla società fallita dall’abusivo ricorso al credito.

Leggi dopo

L’indipendenza dell’attestatore nel concordato preventivo

20 Aprile 2017 | di La Redazione

Cass. Civ.

Attestatore

L’indipendenza del professionista accertatore è un requisito imprescindibile che, se non posseduto del nominato, rende inammissibile la domanda di concordato preventivo redatta con la sua collaborazione.

Leggi dopo

Osservatorio sulla Cassazione - Marzo 2017

18 Aprile 2017 | di La Redazione

Fallimento: disciplina generale

Torna l'appuntamento con l'osservatorio sulla Corte di Cassazione: una rassegna delle più interessanti sentenze di legittimità depositate nel mese di marzo.

Leggi dopo

Fattibilità giuridica e inammissibilità della proposta di concordato

13 Aprile 2017 | di La Redazione

Cass. Civ.

Fattibilità

In tema di concordato preventivo, il sindacato del giudice sulla fattibilità, quale presupposto di ammissibilità del concordato, intesa come prognosi di concreta realizzabilità del piano concordatario consiste nella verifica diretta del presupposto stesso, sia sotto il profilo della fattibilità giuridica, intesa come non incompatibilità del piano con norme inderogabili, sia sotto il profilo della fattibilità economica, intesa come realizzabilità nei fatti del piano medesimo.

Leggi dopo

Concordato fallimentare: limiti temporali e voto delle “parti correlate”

13 Aprile 2017 | di La Redazione

Cass. Civ.

Concordato fallimentare

Ai sensi dell’art. 104-ter l.fall. la facoltà di presentare la proposta di concordato non incontra limiti temporali, con un’unica eccezione soggettiva, quella del fallito e delle parti a lui “correlate” le quali soffrono del limite di un anno, come dies a quo, e di due, come dies a quem, senza la possibilità che tale previsione eccezionale e restrittiva venga ad essere estesa a tutti gli altri soggetti interessati alla presentazione della proposta, in quanto di stretta interpretazione.

Leggi dopo

Concordato preventivo e sopravvenuta dichiarazione di fallimento: il punto delle Sezioni Unite

11 Aprile 2017 | di La Redazione

Cass. Civ.

Consecuzione di procedure

La sopravvenuta dichiarazione del fallimento comporta l’inammissibilità delle impugnazioni autonomamente proponibili contro il diniego di omologazione del concordato preventivo e comunque l’improcedibilità del separato giudizio di omologazione in corso, perché l’eventuale giudizio di reclamo ex art. 18 l.fall. assorbe l’intera controversia relativa alla crisi d’impresa, mentre il giudicato sul fallimento preclude in ogni caso il concordato.

Leggi dopo

Pagine