News

News

Bancarotta: sì al sequestro conservativo sui beni conferiti in un trust elusivo

11 Novembre 2014 | di La Redazione

Cass. Pen.

Bancarotta semplice

È pienamente legittimo il sequestro conservativo disposto su beni conferiti in trust, nell’ambito di un’indagine per reati di bancarotta nei confronti del proprietario di tali beni, quando emerga inequivocabilmente la finalità elusiva della costituzione del trust. Lo ha affermato la Corte di cassazione, Quinta Sezione Penale, nella sentenza n. 46137 del 7 novembre.

Leggi dopo

Impresa fallita: cambiano le modalità per richiedere gli Assegni per il nucleo familiare

05 Novembre 2014 | di La Redazione

INPS

Fallimento: disciplina generale

L’INPS con la circolare n. 136 ha indicato le nuove modalità di presentazione della richiesta di Assegni per il Nucleo familiare per i Lavoratori di ditte cessate o fallite.

Leggi dopo

L’esdebitazione libera il fallito anche dai debiti tributari

31 Ottobre 2014 | di La Redazione

Cass. Civ.

Esdebitazione

Le obbligazioni tributarie non sono escluse dall’esdebitazione, per cui il fallito che abbia beneficiato della liberazione dai debiti residui, con il decreto di cui all’art. 142 l. fall., non è più tenuto al pagamento delle somme dovute nei confronti dell’Erario.

Leggi dopo

Inopponibilità della cartella di pagamento al curatore fallimentare

30 Ottobre 2014 | di La Redazione

Cass. Civ.

Fallimento: disciplina generale

L’Agenzia delle Entrate notifica legittimamente un avviso di accertamento ad una società in bonis, la quale impugna l’avviso. Durante il giudizio di accertamento la società viene dichiarata fallita, il curatore non si costituisce in giudizio e non chiede che questo venga interrotto, pertanto il giudizio si conclude con una sentenza di merito che rende esecutivo il debito della società.

Leggi dopo

Ricorso abusivo al credito. Non c’è reato senza fallimento

28 Ottobre 2014 | di La Redazione

Cass. Pen.

Abusivo ricorso al credito

La Corte d’Appello di Bologna dichiara il non doversi procedere nei confronti dell’imputato per intervenuta prescrizione per i reati di bancarotta fraudolenta e ricorso abusivo al credito, mentre conferma la condanna per il reato di bancarotta documentale.

Leggi dopo

Crisi d'impresa: impossibilità di conseguimento dell’oggetto sociale e scioglimento delle società di capitali

23 Ottobre 2014 | di La Redazione

Scioglimento delle società di capitali

Il 9 ottobre 2014 il Consiglio Nazionale del Notariato ha reso pubblico uno  studio con cui è stata esaminata la questione del se possa o meno configurarsi una sorta di impossibilità economica di attuazione dell’oggetto sociale (e quindi possa iscriversi nel Registro delle Imprese, ex art. 2484, comma 3, c.c.  lo scioglimento della società) in presenza di una crisi d’impresa.

Leggi dopo

TASI. Sospendere i pagamenti per i fallimenti

16 Ottobre 2014 | di La Redazione

TASI

Con un comunicato stampa, il 15 ottobre 2014, la Fondazione Nazionale Commercialisti ha auspicato un intervento amministrativo che sospenda il pagamento della TASI per gli immobili compresi in un fallimento o in una liquidazione coatta amministrativa per il periodo di durata dell’intera procedura concorsuale.

Leggi dopo

L’imprenditore vittima di estorsione può essere dichiarato insolvente

13 Ottobre 2014 | di La Redazione

Cass. Civ.

Dichiarazione dello stato di insolvenza

Il ricorrente chiede l’annullamento della sentenza con cui è stato accertato lo stato di insolvenza in ragione di debiti verso fornitori ed Equitalia per una somma di circa 30 milioni di euro.

Leggi dopo

Il fallimento dell’unica committente esime dal reato di omesso versamento dell’IVA

07 Ottobre 2014 | di La Redazione

Cass. Pen.

Fallimento: disciplina generale

In seguito a condanna, confermata in appello, per aver violato l’art. 10-ter D.Lgs. 74/2000 (omesso versamento d’I.V.A.), veniva proposto ricorso per cassazione deducendosi  che la cooperativa della quale l’imputato era legale rappresentate aveva avuto come (quasi) unica committente una s.p.a. che, nell’imminenza della data di scadenza delle imposte, era fallita. La cooperativa si era quindi insinuata al passivo e aveva deciso di destinare le risorse disponibili al pagamento degli stipendi dei dipendenti e delle relative contribuzioni previdenziali. L’omesso versamento I.V.A. non sarebbe stato quindi in alcun modo ricollegabile alla volontà dell’imputato, ma alla sola causa di forza maggiore integrata dal fallimento della committente.

Leggi dopo

Anche i creditori non dissenzienti sono legittimati all'opposizione all’omologa

06 Ottobre 2014 | di La Redazione

Cass. Civ.

Omologazione della proposta di concordato

In tema di legittimazione all’opposizione nel giudizio di omologazione del concordato preventivo, la locuzione “qualunque interessato” di cui all’art. 180, comma 2, l. fall., non è necessariamente riferibile soltanto a soggetti diversi dai creditori, essendo invece suscettibile di comprendere anche i creditori non dissenzienti.

Leggi dopo

Pagine