News

News

Osservatorio sulla Cassazione - Ottobre 2018

21 Novembre 2018 | di La Redazione

Fallimento: disciplina generale

Torna l'appuntamento con l'osservatorio sulla Corte di Cassazione: una rassegna delle più interessanti sentenze di legittimità depositate nel mese di ottobre.

Leggi dopo

Il concordato è in continuità anche in caso di affitto di azienda

20 Novembre 2018 | di La Redazione

Cass. Civ.

Concordato con continuità aziendale

Laddove il piano concordatario preveda l’affitto dell’azienda, il concordato è qualificabile come con continuità aziendale essendo indifferente la circostanza che, al momento dell’ammissione alla suddetta procedura concorsuale o del deposito della relativa domanda, l’azienda sia esercitata dal debitore o, come nell'ipotesi di affitto della stessa, da un terzo.

Leggi dopo

La richiesta di ammissione al passivo in via ipotecaria

13 Novembre 2018 | di La Redazione

Cass. Civ.

Ammissione al passivo: forma e contenuto della domanda

Nelle ipotesi in cui sia revocata l’ipoteca, accessoria ad un mutuo, ex artt. 66 l. fall. e 2091 c.c., che integri una garanzia costituita per un debito chirografario preesistente, la corrispondente pronuncia non comporta necessariamente l’esclusione dall'ammissione al passivo di quanto erogato per il mutuo stesso, dato che l’ammissione predetta è incompatibile solo con le fattispecie della simulazione e della novazione.

Leggi dopo

Il riconoscimento del privilegio al credito dell’impresa artigiana

12 Novembre 2018 | di La Redazione

Cass. Civ.

Crediti privilegiati

In tema di privilegio generale sui mobili, l’art. 2751-bis, comma 1, c.c., come sostituito dall’art. 36 DL n. 5/2012, laddove accorda il privilegio ai crediti dell’impresa artigiana non ha natura interpretativa e valore retroattivo.

Leggi dopo

Riforma della crisi di impresa: approvato in via preliminare il decreto che introduce il nuovo Codice

09 Novembre 2018 | di La Redazione

Fallimento: disciplina generale

Il Consiglio dei Ministri riunitosi nella giornata di ieri, ha approvato, in esame preliminare, un decreto legislativo che, in attuazione della legge delega n. 155/2017, introduce il nuovo Codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza.

Leggi dopo

Riforma della crisi di impresa: lo schema di decreto approda in Consiglio dei Ministri

08 Novembre 2018 | di La Redazione

Fallimento: disciplina generale

A pochi giorni dalla scadenza del termine della delega previsto dalla L. n. 155/2017, la riforma della crisi di impresa approda in serata in Consiglio dei Ministri.

Leggi dopo

Le note di variazione IVA nel concordato in continuità: i chiarimenti delle Entrate

31 Ottobre 2018 | di La Redazione

Agenzia delle Entrate - Interpello 30 ottobre 2018, n. 54.pdf

Concordato con continuità aziendale

La società in concordato preventivo con continuità aziendale non è tenuta a versare l’IVA indicata nelle note di variazione. Questo quanto ribadito dall’Agenzia delle Entrate con risposta all’interpello n. 54 pubblicata nella giornata di ieri.

Leggi dopo

Agenzia delle Entrate: il concordato con terzo assuntore ha natura traslativa

31 Ottobre 2018 | di La Redazione

Agenzia delle Entrate - Interpello 30 ottobre 2018, n. 55.pdf

Assuntore

In tema di concordato fallimentare con terzo assuntore, l’esborso finanziario realmente sostenuto coincide con il costo fiscale del complesso delle attività del debitore, del quale diventa titolare l’assuntore in virtù degli obblighi di concordato. A precisarlo è l’Agenzia delle Entrate con l’ interpello n. 55 diffuso nella giornata di ieri.

Leggi dopo

Il comportamento postumo del terzo non configura il concorso di bancarotta

30 Ottobre 2018 | di La Redazione

Cass. Pen.

Bancarotta fraudolenta

Un comportamento postumo del terzo extraneus non è idoneo a configurare il concorso nel delitto di bancarotta fraudolenta patrimoniale commesso dall’intraneus.

Leggi dopo

La contestazione dei crediti nel concordato

29 Ottobre 2018 | di La Redazione

Cass. Civ.

Concordato preventivo: disciplina generale

In tema di ammissione al concordato e accertamento dei crediti, il giudice delegato può assumere un provvedimento di provvisoria ammissione al voto per il maggior credito solo se, a fronte di una mancata inclusione nella proposta di concordato, i creditori interessati facciano valere il credito in sede di adunanza ed in presenza dell’opposizione da parte del debitore.

Leggi dopo

Pagine