Quesiti Operativi

Quesiti Operativi

Rilevanza fiscale delle sopravvenienze attive derivanti da riduzione di debiti

27 Marzo 2017 | di Andrea Rosati

Accordo di ristrutturazione dei debiti: disciplina generale

A norma dell'art. 88, comma 4 ter, T.U.I.R., le sopravvenienze attive derivanti dalle riduzioni dei debiti ottenute in sede di omologa ex 182-bis l.fall. non sono tassabili. Si chiede se tale trattamento di favore sia riservato anche alle sopravvenienze attive derivanti da riduzione di debiti ottenute in sede di accordo ex art. 182-septies l.fall., anche in assenza di un espresso richiamo.

Leggi dopo

Ammissione al passivo del credito del lavoratore autonomo di una cooperativa di lavoro

16 Marzo 2017 | di Riccardo Girotto

Ammissione al passivo: effetti, inammissibilità e rinuncia

Si chiede se in caso di fallimento di una cooperativa di lavoro i cui soci, inquadrati come lavoratori autonomi iscritti alla Gestione artigiani, presentano istanza di ammissione al passivo per i propri compensi sospesi, debba applicarsi il privilegio di cui all'art. 2751 bis n. 1).

Leggi dopo

Irreperibilità del fallito e poteri del curatore

09 Marzo 2017 | di Daniele Fico

Curatore fallimentare: ruolo e funzioni

Ai sensi dell’art. 84 l. fall., il curatore può chiedere al Giudice Delegato di accedere presso l’abitazione del fallito in considerazione della sua irreperibilità?

Leggi dopo

Il privilegio ipotecario sugli interessi nel fallimento

23 Febbraio 2017 | di Giuseppe Limitone

Fallimento: disciplina generale

Equitalia si insinua in un fallimento per un importo comprensivo di sorte, interessi per ritardata iscrizione a ruolo, aggi, ecc., richiedendo il privilegio ipotecario. Nella nota di iscrizione ipotecaria, viene riportato solo l'importo capitale senza fare cenno alcuno alla voce interessi. Il curatore, vista la mancanza di richiesta della tutela ipotecaria nella nota di iscrizione della stessa, esclude...

Leggi dopo

Conciliazione giudiziale e revocatoria fallimentare

16 Febbraio 2017 | di Daniele Fico

Azione revocatoria fallimentare

Può essere oggetto di revocatoria ex art. 67 l. fall., primo o secondo comma, il contenuto di una conciliazione giudiziale in cui l’appaltatore poi fallito abbia rinunziato all’azione di pagamento di una parte del corrispettivo dell’appalto spiegata e, con essa, al relativo credito, a fronte della rinunzia da parte della committenza della domanda risarcitoria a propria volta spiegata in uno con quella di risoluzione del contratto?

Leggi dopo

Il rinvio dell'udienza pre-fallimentare su istanza congiunta del creditore procedente e del debitore

08 Febbraio 2017 | di Mariacarla Giorgetti, Sergio Nadin

Fallimento: disciplina generale

È ammissibile ed accoglibile un'istanza di rinvio dell'udienza pre-fallimentare su istanza congiunta del creditore procedente e del debitore?

Leggi dopo

Fallimento dell'agenzia di somministrazione e saldo delle retribuzioni

25 Gennaio 2017 | di Riccardo Girotto

Fallimento: disciplina generale

Quando il fallimento ha fatto seguito al concordato preventivo, come ci si deve comportare in caso di intervento sostitutivo del somministratore da parte dell’utilizzatore per quanto riguarda il saldo delle retribuzioni, nonché dei debiti previdenziali e fiscali scaturenti dal rapporto di somministrazione intercorso?

Leggi dopo

Concordato in continuità e apporto di finanza esterna

18 Gennaio 2017 | di Daniele Fico

Concordato con continuità aziendale

Il piano attestato di un concordato in continuità può prevedere ipotesi alternative di acquisizione di nuovo capitale per la soddisfazione della percentuale promessa ai creditori concordatari?

Leggi dopo

Automatic stay e procedura esecutiva individuale già iniziata ante concordato

11 Gennaio 2017 | di Mariacarla Giorgetti

Automatic stay

Siamo in procinto di predisporre una domanda di concordato preventivo per conto di un cliente. L'azienda futura concordataria ha concesso in affitto d'azienda la sua attività. Diversi suoi creditori hanno effettuato il pignoramento dei canoni dell'affitto d'azienda in oggetto e le somme sono, in alcuni casi, già state assegnate dal Giudice. Le somme però...

Leggi dopo

Deposito del piano di riparto a "zero" e successiva istanza di chiusura della procedura

27 Dicembre 2016 | di Daniele Fico

Fallimento: disciplina generale

Qualora in un fallimento, una volta approvato il conto della gestione e pagato il compenso al curatore, non via sia ulteriore attivo da distribuire, è necessario formalizzare un riparto a “zero”? In ogni caso l’istanza di chiusura è da richiedere a norma dell’art. 118 n. 3?

Leggi dopo

Pagine