Quesiti Operativi

Quesiti Operativi

Risposte flash per il professionista (4)

30 Ottobre 2012 | di Salvatore Sanzo

Fallimento: disciplina generale

Qual è la corretta collocazione, in ordine ai privilegi fallimentari, dei crediti professionali sorti dopo l'ammissione alla procedura di concordato preventivo?

Leggi dopo

La (non) competenza del tribunale fallimentare nel caso di azione di responsabilità ex art. 146 l. fall.

22 Ottobre 2012 | di Pasquale Lacalandra

Giurisdizione e competenza

L'azione di responsabilità ex art. 146 l. fall. (art. 2394-bis c.c.) è un diritto nel quale il curatore succede alla società fallita, che avrebbe potuto esercitarlo autonomamente prima della dichiarazione di fallimento. Pertanto essa non è soggetta alla vis attractiva ex art. 24 l. fall. ma soggiace alle ordinarie regole di competenza territoriale?

Leggi dopo

Apertura di c/c da parte del fallito dopo la dichiarazione di fallimento

13 Settembre 2012 | di Giuseppe Rebecca

Conto corrente

Nell’ipotesi in cui un fallito abbia acceso un conto corrente dopo la dichiarazione di fallimento e su tale conto siano pervenute rimesse attive poi completamente azzerate da pagamenti e prelievi, la Banca è legittimata passiva alla restituzione in favore della curatela? Può eccepire la Banca l’esistenza di un’attività di impresa di fatto esercitata dal fallito e non autorizzata dal G.D. e pretendere di dedurre dalle attività le passività?

Leggi dopo

Il contenuto della domanda di revocatoria di pagamenti

18 Luglio 2012 | di Federica Commisso

Azione revocatoria fallimentare

Nell'azione revocatoria ex art. 67, comma 2, l. fall. intrapresa dal Curatore fallimentare con atto di citazione finalizzato alla restituzione da parte del fornitore delle rimesse effettuate dall'imprenditore insolvente ed affluite sul conto corrente del fornitore nel c.d. "periodo sospetto" di sei mesi antecedente lo stato di insolvenza, è sufficiente richiedere la revoca di tutti i pagamenti eseguiti oppure vanno indicati specificatamente?

Leggi dopo

I presupposti per l'esercizio dell'azione revocatoria nell'ipotesi di amministrazione straordinaria

04 Luglio 2012 | di Paola Baldassarre

Amministrazione straordinaria: disciplina generale

Nel caso di Amministrazione Straordinaria delle grandi imprese in crisi quali sono i requisiti richiesti affinchè il Commissario e/o il Liquidatore possano esercitare l’azione revocatoria fallimentare ex art. 67 l. fall. ed il termine prescrizionale di tre anni per l’esercizio dell’azione decorre dallo stato di insolvenza o dalla nomina del Commissario che è il soggetto indicato, eventualmente, ad esercitare l’azione?

Leggi dopo

Il potere di transigere una controversia relativa a passività dell'impresa anteriori al concordato

28 Giugno 2012 | di Paola Baldassarre

Transazione

Il Commissario Giudiziale (che è stato anche nominato liquidatore dal decreto di omologa del Concordato Preventivo con cessione dei beni) può operare la transazione di una vertenza giudiziaria passiva sorta antecedentemente al deposito del ricorso per C.P. (presentata da un fornitore della Società debitrice il cui credito era parzialmente contestato) che comporti però contestualmente anche il pagamento del debito pregresso sia pure in entità astrattamente ridotta rispetto alle previsioni di soddisfacimento concordatario (e quindi con teorico vantaggio per la massa dei creditori)? Preciso che la liquidazione dell’attivo è ancora in corso, che il credito contestato sarebbe assistito da privilegio ex art. 2751-bis n. 5 c.c. e che però ovviamente la misura della soddisfazione prevista è legata alla favorevole o meno liquidazione dell’attivo.

Leggi dopo

Creditori irreperibili nell'ambito del concordato fallimentare

19 Giugno 2012 | di Pasquale Lacalandra

Concordato fallimentare

In caso di creditori irreperibili nell’ambito di un concordato fallimentare è applicabile l'art. 117, comma 4, l. fall.?

Leggi dopo

Insinuazione al fallimento sulla scorta di un decreto ingiuntivo definitivo

11 Giugno 2012 | di Carlo Bianco

Decreto ingiuntivo

Nel caso di decreto ingiuntivo provvisoriamente esecutivo, opposto ante fallimento dal solo debitore principale e non anche dal fidejussore, il terzo garantito può insinuarsi al passivo fallimentare sulla scorta del decreto ingiuntivo dichiarato definitivamente esecutivo dopo la dichiarazione di fallimento?

Leggi dopo

La revocazione per “errore essenziale di fatto” e “mancata conoscenza di documenti decisivi”

07 Giugno 2012 | di Ivan Libero Nocera

Revocazione

Art. 98, comma 4, l. fall.: nell’ipotesi in cui la domanda di ammissione al passivo sia stata rigettata, se può essere considerato “errore essenziale di fatto” ovvero “mancata conoscenza di documenti decisivi che non sono stati prodotti tempestivamente per causa non imputabile”, legittimanti la proposizione della revocazione, la circostanza che il creditore istante abbia, per mero errore materiale, prodotto un documento non attinente al credito fatto valere ed intenda far valere tale documento in sede di revocazione.

Leggi dopo

Rapporti stazione appaltante pubblica - appaltatore (in concordato) e subappaltatori

31 Maggio 2012 | di Piero De Bei

Appalto pubblico

La stazione appaltante è obbligata a liquidare l'appaltatore (tramite il Commissario Giudiziale, per lavori eseguiti e ante crediti maturati concordato) ed i subappaltatori devono essere ammessi in chirografo nel concordato ovvero è legittimo il pagamento diretto ed integrale in loro favore da parte della P.A.? In questo modo non si avrebbe una violazione della par condicio?

Leggi dopo

Pagine