Quesiti Operativi

Quesiti Operativi

Piano concordatario: spese per la gestione del bene ed eventuale prededuzione

29 Aprile 2015 | di Mariacarla Giorgetti, Matteo Lorenzo Manfredi

Concordato con cessione dei beni

Piano concordatario con cessione di beni prevista a 12 mesi. Nel corso di tale periodo l’azienda continuerà a produrre flussi di cassa da destinare ai creditori. Ci sono le seguenti masse attive: bene da liquidare e flussi di cassa. Dopo la presentazione della domanda prenotativa di concordato sono stati contratti debiti per la conservazione del bene oggetto della garanzia ipotecaria, da collocarsi tra quelle attività direttamente e specificamente rivolte ad incrementare o ad amministrare o a liquidare i beni ipotecati, ovvero che comunque rechino ai titolari specifiche utilità. Nel caso in esame tali spese ammontano ad Euro 300.000,00 ed hanno evitato una perdita di valore del bene ipotecato di oltre Euro 2.000.000,00. Si chiede se tali spese siano da soddisfare utilizzando la liquidità generata dalla vendita della massa attiva oggetto dell’intervento di conservazione/incremento con precedenza rispetto anche ai creditori assistiti da ipoteca.

Leggi dopo

Termini per l’esercizio della revocatoria nell’amministrazione straordinaria conseguente a concordato preventivo

23 Aprile 2015 | di Daniele Fico

Amministrazione straordinaria: disciplina generale

L’art 69-bis, comma 2, l. fall., si applica anche alla procedura di amministrazione straordinaria conseguente a concordato preventivo? In altri termini, è possibile ritenere che detta previsione sia applicabile analogicamente al caso in cui ad una procedura di concordato preventivo segua una procedura di amministrazione straordinaria?

Leggi dopo

Nuove modalità telematiche di notifica e rispetto dei principi costituzionali

15 Aprile 2015 | di Lucio Di Nosse

Fallimento: disciplina generale

La mia opinione - sulla quale chiedo un confronto – è che l'art. 15, comma 3, l. fall. (come modificato dall'art. 17,  comma 1, lett. a), del D.L. n. 179/12, conv., con mod., nella L. n. 221/2012) sia incostituzionale per la violazione dei principi di cui agli artt. 3, 24 e 111 Cost. La disposizione dell'art. 15 relativa alle modalità di notificazione del ricorso di fallimento, infatti, sembra trattare in modo differente situazioni giuridiche eguali. Il che, in primis, appare palesemente irragionevole, giacché la norma incriminata, a fronte del generale diritto, costituzionalmente garantito, di conoscenza effettiva e concreta degli atti giudiziari, solo in caso di notificazione di ricorso per la dichiarazione di fallimento omette l'adempimento, da parte dell'ufficiale giudiziario, delle formalità di cui all'art. 140 c.p.c., colpendo l'imprenditore incolpevole, con conseguenze gravi dal punto di vista sia economico che patrimoniale, talvolta irreparabili.

Leggi dopo

Credito relativo alle spese legali per l'istanza di fallimento: prededuzione o privilegio?

08 Aprile 2015 | di Maria Grazia Sirna

Spese di lite

Il credito relativo alle spese legali sostenute per la presentazione di istanza di dichiarazione di fallimento è da ammettersi al passivo in prededuzione ex art. 111 l. fall. o in via privilegiata ex art. 2755 c.c.?

Leggi dopo

Rapporti tra creditori prededucibili e ipotecari in caso di attivo immobiliare

02 Aprile 2015 | di Ivan Libero Nocera

Prededuzione

In ipotesi di concordato preventivo liquidatorio con cessione di beni omologato, in cui l'attivo realizzato è inerente esclusivamente alle vendite di alcuni immobili sui quali grava iscrizione ipotecaria, in fase di riparto, il liquidatore giudiziale può assegnare ai creditori prededucibili (attestatore, advisor e legale per deposito del ricorso) l'importo a questi spettante anche se va sottratto al netto destinato ai creditori ipotecari? O bisogna provvedere al pagamento degli ipotecari così come previsto dal comma 2 dell'art. 111-bis l.fall.?

Leggi dopo

Fallimento, contratti preliminari e cancellazione dell’ipoteca sugli immobili

23 Marzo 2015 | di Maria Grazia Sirna

Contratto preliminare

L’Amministratore Unico di una società immobiliare ha sottoscritto, prima della dichiarazione di fallimento, contratti preliminari di compravendita aventi ad oggetto  immobili ad uso abitativo regolarmente trascritti. poiché, ai sensi dell’art. 72, ultimo comma, l. fall. tali contratti non si sciolgono con l’intervento del fallimento, può il curatore fallimentare dare esecuzione ai contratti predetti sebbene gli immobili siano gravati da ipoteche iscritte dall’istituto di credito che ha finanziato la costruzione nonché da Equitalia prima della dichiarazione di fallimento? Considerando che l’istituto di credito, creditore ammesso al passivo con privilegio di primo grado, ha prestato il proprio consenso alla liberazione dell’immobile dalla ipoteca, e che Equitalia è stata ammessa al passivo, dichiarato esecutivo e non opposto nei termini di legge, con privilegio generale sui beni mobili (essendo stata rigettata la richiesta di ammissione con privilegio immobiliare) può il curatore ottenere la cancellazione dell’ipoteca iscritta dalla medesima  Equitalia?

Leggi dopo

T.I.A. (Tariffa di Igiene Ambientale) e relativo privilegio

16 Marzo 2015 | di Mariacarla Giorgetti, Matteo Lorenzo Manfredi

TARSU TIA TARES

La T.I.A. (tariffa di igiene ambientale) gode di privilegio ex art. 2752 c.c., alla luce del D.l. n. 98/2011? Trattandosi di una tariffa e non di una tassa e/o imposta dovrebbe essere chirografaria; inoltre i privilegi non potrebbero essere applicati in via estensiva e/o analogica.

Leggi dopo

Prededuzione dei crediti dell’attestatore e dei professionisti per la domanda di concordato preventivo

09 Marzo 2015 | di Daniele Fico

Prededuzione

Una società ammessa al concordato preventivo è stata successivamente dichiarata fallita. I professionisti che hanno assistito il debitore nella predisposizione della domanda di concordato (legali ed attestatore) hanno depositato domanda di ammissione alla stato passivo richiedendo il proprio credito in prededuzione, richiamando Cass. n. 5098/2014 ed il disposto di cui all'art. 182-quater l. fall., oltreché l'art. 111 l. fall. Nella mia qualità di curatore riterrei di ammettere il credito in via privilegiata ex art. 2751-bis n. 2 c.c., non riconoscendo la prededucibilità del credito e conseguentemente il collegamento occasionale o funzionale tra le due procedure richiesto dal disposto dell'art. 111 l. fall. Mi chiedo se sia corretto quanto sopra indicato anche alla luce delle recenti sentenze della Cassazione.

Leggi dopo

Socio illimitatamente responsabile di s.n.c. e procedura di sovraindebitamento

03 Marzo 2015 | di Mariacarla Giorgetti, Matteo Lorenzo Manfredi

Sovraindebitamento

L’ex socio illimitatamente responsabile di una S.n.c., fallito in estensione, una volta che il fallimento della S.n.c. ed il suo si siano chiusi per insufficienza dell’attivo, è legittimato a richiedere l’ammissione alla procedura da crisi da sovraindebitamento di cui alla L. 27 gennaio 2012, n. 3?  Il dubbio sorge dalla circostanza che, qualora sopraggiungano nuove attività al proprio patrimonio, detto socio potrebbe ipotizzare e concretamente chiedere la riapertura del proprio fallimento per sgravarsi da taluni debiti (ad esempio verso il fisco). Detto soggetto, quindi, è "assoggettabile" al fallimento: deve quindi ritenersi escluso dall’ambito di applicazione della procedura da sovraindebitamento, che per espressa lettera di legge richiede la “non assoggettabilità” a fallimento? In base ad alcuni spunti dottrinali, tuttavia, sembrerebbe esistere un'opzione interpretativa secondo cui la procedura di cui alla L. 3/2012 sarebbe applicabile in realtà anche a soggetti astrattamente fallibili.

Leggi dopo

Compensazione dei crediti professionali con debiti verso la società fallita

26 Febbraio 2015 | di Daniele Fico

Compensazione

Un creditore professionista intende compensare con suoi debiti il credito che vanta per prestazioni effettuate a favore della fallita. Se nell'esame dello stato passivo curatore e giudice riconoscono la compensazione, il curatore dovrà provvedere a versare la ritenuta sugli onorari compensati?

Leggi dopo

Pagine