Casi e sentenze

Atti in frode nel concordato preventivo

 

Costituisce atto di frode, rilevabile anche nell’ambito di un procedimento ex art. 180 L.fall., aver omesso di indicare nella domanda di accesso al concordato preventivo l’esistenza di un potenziale ed ingente credito risarcitorio derivante dalla dismissione del residuo patrimonio immobiliare (danno che potrebbe finanche risultare pari all’intero attivo concordatario).

Leggi dopo