Focus

Art. 61 CCI: gli accordi di ristrutturazione ad efficacia estesa, l'origine e le prospettive

Sommario

L'origine: l'art. 182 septies l. fall., ossia gli accordi di ristrutturazione con intermediari finanziari | L' art. 61 CCII | In attesa dell'entrata in vigore del CCII il D.L. 24 agosto 2021 n. 118, recante misure urgenti in materia di crisi di impresa | Conclusioni | Guida all'approfondimento |

 

L'articolo prende le mosse dall'analisi della norma di cui all'art. 182 septies l.fall., per poi soffermarsi sull'art. 61 CCI, che è stato anticipato nella sua applicazione dalle modifiche introdotte all'art.182-septies l.fall. dal recente D.L. 118/2021. A parere dell'Autore sia l'art. 61 CCII sia l'art. 182-septies l.fall., pur con i distinguo e i rilievi critici della dottrina e degli operatori, appaiono, in definitiva diretti entrambi a salvaguardare la continuità aziendale, estendendo gli accordi di ristrutturazione, prima applicabili ai soli creditori finanziari, a tutti i creditori, purché suddivisi in categorie omogenee.

Leggi dopo