Focus

I nuovi strumenti “light” a disposizione dell'esperto soddisfano i requisiti di cui agli artt. 2086 c.c. e 152 l.fall. se il debitore è insolvente?

Sommario

Il nuovo D.L. 118/2021 ha riscritto le regole per la dead-line entro la quale occorre entrare in procedura? | La nuova composizione negoziata della crisi | La cessione d'azienda di cui all' art. 10 e il concordato semplificato per la liquidazione del patrimonio | Gli indici per la continuità aziendale e la delibera dell'art. 152 l.fall. | Indici di efficienza e regolarità gestionale nel Codice della Crisi e nel D.L. 118/2021: l'allerta esterna del legislatore dell'ultima ora | D.L. 118/2021 e sovraindebitamento | Il concordato semplificato si scontra con l'esercizio provvisorio fallimentare dell'impresa insolvente: il concetto di pregiudizio per i creditori | Valutazione della convenienza del piano di concordato semplificato rispetto all'alternativa del piano di liquidazione con esercizio provvisorio (ora fallimento) | Conclusioni | Guida all'approfondimento |

 

Il presente articolo, muovendo dall'istituto della composizione negoziata della crisi - novità di maggior interesse introdotta dal D.L. 118/2021-, si sofferma sui nuovi strumenti previsti dal decreto legge a disposizione dell'esperto per la tutela dei creditori.

Leggi dopo