Giurisprudenza commentata

Illegittimità della domanda di concordato fallimentare: il potere del giudice e l’eterogenesi dei fini

09 Novembre 2012 |

Tribunale di Milano

Concordato fallimentare

Sommario

Massima | Il caso | Le questioni giuridiche e le soluzioni | Osservazioni | Minimi riferimenti giurisprudenziali, bibliografici e normativi |

 

Nel concordato fallimentare, una volta acquisito il parere del curatore, il giudice delegato conserva il potere di arrestare il procedimento, nell’ipotesi in cui rilevi profili di illegittimità della domanda, senza dover dar corso alla comunicazione della proposta ai creditori.

Leggi dopo