Giurisprudenza commentata

Risoluzione del concordato preventivo e fallimento “omisso medio”: la parola alle Sezioni Unite

Sommario

Il caso | Le questioni giuridiche | Le soluzioni giuridiche favorevoli alla dichiarazione di fallimento “omisso medio” | Osservazioni | Guida all'approfondimento |

 

Con l'ordinanza interlocutoria in esame queste le questioni di particolare importanza da sottoporre al vaglio delle Sezioni Unite: a) se sia ammissibile l'istanza di fallimento nei confronti di impresa già ammessa al concordato preventivo poi omologato, a prescindere dall'intervenuta risoluzione del concordato; b) se il fallimento debba essere dichiarato solo per insolvenza nuova rispetto al momento dell'omologazione del concordato ovvero anche per inadempimento alle obbligazioni discendenti dall'esecuzione dello stesso concordato omologato e, in caso di ammissibilità del fallimento in tali ipotesi se sia possibile un eventuale fallimento dell'impresa ammessa al concordato omologato, anche prima dello spirare del termine annuale di cui all'art. 186 L.F.

Leggi dopo