News

Crediti sorti nel corso della procedura fallimentare: se non contestati non devono essere insinuati al passivo

 

I crediti prededucibili sorti nel corso della procedura fallimentare non contestati per collocazione ed ammontare di cui all'art. 111 bis l.fall., esclusi dall'accertamento con le modalità di cui al capo V della legge fallimentare, non debbono essere insinuati al passivo nel termine di decadenza previsto dall'art. 101, commi 1 e 4 l.fall. e neppure nel limite temporale di un anno, individuato in coerenza ed armonia con l'intero sistema di insinuazione e sulla scorta dei principi costituzionali di cui all'art. 3 Cost. e 24 Cost., decorrente dal momento in cui si verificano le condizioni di partecipazione al passivo fallimentare.

Leggi dopo