Home page

Focus Focus

Alcuni spunti per la scelta dello strumento di composizione della crisi aziendale dopo il Decreto Sviluppo

04 Aprile 2013 | di Riccardo Ranalli

Insolvenza

Nell’attuale quadro normativo, come modificato dal c.d. Decreto Sviluppo, il debitore in crisi può ricorrere a strumenti di risanamento diversi tra loro per disciplina, effetti e peculiarità. La scelta dello strumento più adeguato al caso concreto riveste, pertanto, un ruolo cruciale per il buon esito dell’iter di risanamento. L’Autore analizza i criteri di scelta dello strumento, con riferimento tanto alle azioni per il superamento della crisi finanziaria, quanto alle azioni per il superamento delle cause economiche della crisi, esaminando anche gli ulteriori elementi che incidono sulla scelta.

Leggi dopo
Giurisprudenza commentata Giurisprudenza commentata

La revocatoria ordinaria dell’atto di assegnazione di immobile a socio di società cooperativa

04 Aprile 2013 | di Luca Restaino

Cass. Civ.

Azione revocatoria ordinaria

Per il fatto di essere un atto dovuto, l’atto con il quale una società cooperativa, che ha come oggetto sociale la costruzione di alloggi da assegnare ai soci, trasferisce al socio la proprietà di un alloggio non è assoggettabile a revocatoria ordinaria, ma soltanto se le attività preliminari dalle quali è sorto l’obbligo di trasferire la proprietà non sono contraddistinte da frode ai creditori.

Leggi dopo
Blog Blog

Se il creditore chirografario destinatario di soddisfacimento integrale abbia o meno diritto al voto

03 Aprile 2013 | di Fabrizio Di Marzio

Crediti chirografari

Si tratta di una questione che riaffiora qua e là nella riflessione teorica, nella convegnistica e anche nella pratica giudiziaria.

Leggi dopo
News News

Società cancellata dal Registro delle imprese: le obbligazioni pendenti si trasferiscono ai soci

02 Aprile 2013 | di La Redazione

Cass. Civ.

Cancellazione dal registro delle imprese

La cancellazione di una società dal Registro delle imprese ne produce l’estinzione. Ma se vi sono ancora rapporti giuridici pendenti, si determina un fenomeno di tipo successorio in virtù del quale le obbligazioni si trasferiscono ai soci. Dal punto di vista processuale, la cancellazione della società impedisce che essa possa agire o essere convenuta in giudizio: legittimati sono, in ogni caso, i soci succeduti alla società estinta.

Leggi dopo
News News

L’estratto di ruolo non è autonomamente impugnabile

29 Marzo 2013 | di La Redazione

Cass. Civ.

Contenzioso tributario

L’estratto di ruolo, che è atto interno all’Amministrazione, non può essere impugnato autonomamente davanti al giudice tributario perché, in assenza della notifica di un atto impositivo, manca l’interesse concreto e attuale ex art. 100 c.p.c. a radicare una lite tributaria; l’estratto di ruolo, quindi, può essere impugnato solo a seguito di notifica della cartella. Lo ha affermato la Sezione Tributaria della Cassazione, con la sentenza n. 6906 del 20 marzo scorso.

Leggi dopo
Focus Focus

Concordato in continuità: alcune riflessioni operative (dalla parte dell'advisor)

28 Marzo 2013 | di Fabio Maria Venegoni

Concordato con continuità aziendale

Nella elaborazione dei Piani di Risanamento, da depositare presso il Tribunale competente in allegato ai ricorsi per l'omologazione di concordati preventivi con continuità aziendale, sono emersi sul tavolo degli advisor e degli attestatori numerosi interrogativi, alcuni dei quali si ripetono pressoché in ogni procedura.

Leggi dopo
Quesiti Operativi Quesiti Operativi

Revoca dell’ammissione alla procedura di concordato preventivo

27 Marzo 2013 | di Simona Brambilla

Revoca dell'ammissione al concordato preventivo

Nel caso in cui, in un concordato preventivo che prevedeva in proposta una percentuale di pagamento per i creditori chirografari di 8% e 18% (due classi), si accerti prima della relazione ex art. 172 l. fall. che i fondi che saranno disponibili non basteranno neppure per il pagamento integrale dei privilegiati mobiliari (forse neppure per i privilegiati immobiliari), che tenore dovrebbe avere la relazione ex art. 172 l. fall.? Come si potrebbe sostenere, con chi vota e sa che non prenderà nulla, che è più conveniente un’omologa di concordato di un fallimento?

Leggi dopo
Blog Blog

L'applicabilità delle aggravanti ex art. 219 l. fall. anche ai reati di bancarotta impropria

27 Marzo 2013 | di Alessio Lanzi

Reati fallimentari

Con la sentenza n. 10180 del 17.1.2013, la Cassazione, Sez. V penale, ha ribadito che l'art. 219 l. fall. (circostanze aggravanti ed attenuanti) si applica anche alle ipotesi di bancarotta impropria ex artt. 223, 224 e 225 l. fall.

Leggi dopo
News News

Concordato con cessione dei beni: il commissario giudiziale non può essere nominato liquidatore

26 Marzo 2013 | di La Redazione

Cass. Civ.

Concordato con cessione dei beni

Nell’ambito di un concordato preventivo con cessione di beni, o ad esso assimilabile, la nomina a liquidatore della persona già in carica come commissario giudiziale collide con il requisito, previsto dagli artt. 28, comma 2, e 182, comma 2, l. fall., per cui il liquidatore deve essere immune da conflitti di interessi anche potenziali. È il principio affermato dalla Cassazione, nella sentenza n. 1237 del 18 gennaio.

Leggi dopo
Giurisprudenza commentata Giurisprudenza commentata

Decorrenza dei termini per la riassunzione da parte del curatore dell’impresa fallita di processi interrotti

26 Marzo 2013 | di Paolo Bosticco

Tribunale di Roma

Interruzione del processo

Per il curatore fallimentare il termine per la riassunzione del processo interrotto per effetto del fallimento decorre in ogni caso dalla sentenza dichiarativa.

Leggi dopo

Pagine