Home page

Focus Focus

Opposizione al passivo, impugnazione dei crediti e ripartizione dell'onere della prova

08 Ottobre 2012 | di Roberto Amatore

Opposizione al passivo

L'accertamento dello stato passivo, dopo la riforma del 2006, costituisce un procedimento dalla valenza esclusivamente endofallimentare che, dal punto di vista processuale, è regolato da un rito speciale, all'interno di un sistema che assicura la partecipazione collettiva dei creditori concorsuali ed il loro contraddittorio. Al contenuto cognitorio si è aggiunta anche una valenza esecutiva, con la previsione di impugnazioni. L'Autore analizza funzione, contenuto ed efficacia dell'accertamento dei crediti, soffermandosi anche su aspetti processuali quali l'onere probatorio nei giudizi impugnatori e i poteri del giudice fallimentare.

Leggi dopo
Giurisprudenza commentata Giurisprudenza commentata

I limiti probatori cui è soggetto il Curatore che agisce in giudizio per la simulazione del contratto stipulato dall’imprenditore

04 Ottobre 2012 | di Adolfo Ceccarini

Tribunale di Latina

Curatore fallimentare: ruolo e funzioni

Il Curatore fallimentare, il quale, con riguardo ad atti di alienazione del fallito, eserciti l’azione di simulazione al fine della ricostruzione delle preesistenti garanzie patrimoniali e del migliore soddisfacimento dei crediti ammessi, cumula, con la rappresentanza del fallito ex art. 43 l. fall., anche la legittimazione che la legge attribuisce ai creditori del simulato alienante ex art. 1416, comma 2, c.c., con la conseguenza che, agendo egli come “terzo”, può fornire la prova della simulazione, ai sensi dell’art. 1417 c.c., anche mediante presunzioni, le quali sono ammissibili ogni qualvolta è ammessa la prova testimoniale.

Leggi dopo
Blog Blog

La strana vicenda del concordato in continuità e dell’affitto di azienda

03 Ottobre 2012 | di Danilo Galletti

Concordato con continuità aziendale

L’art. 186-bis l. fall. di nuova introduzione, regolamenta in modo imperativo una figura speciale di concordato preventivo caratterizzato dalla maggiore rischiosità insita nella prosecuzione dell’attività imprenditoriale da parte del debitore nel corso della procedura, e dall’imputazione del rischio di impresa al debitore stesso. Esso pertanto non può applicarsi al caso in cui l’azienda sia affittata ad un imprenditore-terzo.

Leggi dopo
Giurisprudenza commentata Giurisprudenza commentata

Il pagamento di una fattura non costituisce subentro nel contratto di somministrazione da parte del commissario straordinario

02 Ottobre 2012 | di Alessandro Lendvai

Tribunale di Busto Arsizio

Amministrazione straordinaria: disciplina generale

In tema di amministrazione straordinaria, il subentro del commissario straordinario in un contratto di somministrazione pendente comporta il rigetto nel merito dell’eventuale azione revocatoria dei pagamenti delle forniture pregresse proposta ai sensi dell’art. 67, comma 2, l. fall. e non l’inammissibilità della domanda.

Leggi dopo
News News

Concordato post “Decreto Sviluppo”: il Tribunale di Milano detta una prassi operativa condivisa

01 Ottobre 2012 | di La Redazione

Concordato preventivo: disciplina generale

Il c.d. Decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012 ha introdotto rilevanti modifiche alla legge fallimentare, in particolare alla disciplina del concordato preventivo.

Leggi dopo
News News

E’ già tempo di nuove modifiche per la legge fallimentare: in vista il Decreto Sviluppo bis

28 Settembre 2012 | di La Redazione

Comunicazioni PEC nelle procedure concorsuali

Comunicazioni per via telematica e centralità della posta elettronica certificata: queste le principali novità, in materia fallimentare, contenute nel nuovo decreto legge Sviluppo-bis, che il Consiglio dei Ministri potrebbe approvare in una delle prossime sedute.

Leggi dopo
Focus Focus

Il rischio di selezione avversa sul “mercato” degli attestatori e i fattori necessari per limitarlo

28 Settembre 2012 | di Patrizia Riva

Relazione di attestazione dell’esperto

Le novità apportate alla disciplina concorsuale dalla legge n. 134/2012, di conversione del “Decreto Sviluppo”, hanno introdotto ulteriori profili di rischio per l'attestatore. Per evitare un processo di “selezione avversa” sul mercato degli attestatori, l'Autrice auspica l'individuazione di principi di comportamento e di best practice, che possano tracciare le linee guida e diventare il riferimento per il professionista chiamato a svolgere le attività di attestazione.

Leggi dopo
Focus Focus

L'insorgere della crisi e il dover essere nel diritto societario. Obblighi di comportamento degli organi sociali in caso di insolvenza

27 Settembre 2012 | di Danilo Galletti

Organi sociali

Per far fronte alla crisi che negli ultimi anni ha colpito i sistemi economici è emersa con sempre maggior rilevanza la necessità di un'azione coordinata del diritto concorsuale e del diritto societario, mediante il ricorso a strumenti giuridici di prevenzione dell'insolvenza e a regole di governance societaria, che incentivino ex ante comportamenti virtuosi e condotte efficienti. L'Autore esamina, quindi, tutti gli aspetti relativi all'insorgere dell'insolvenza e le conseguenze sul piano del diritto societario.

Leggi dopo
Blog Blog

Questioni in terma di CIGS e imprese in crisi che chiedono l'ammissione a concordato preventivo

27 Settembre 2012 | di Adelio Riva

Cassa Integrazione Guadagni

La recente normativa modifica l’art. 3 L. 223/91, facendo venir meno la discussione circa l’”obbligatorietà” o meno dell’intervento del Curatore per la richiesta di intervento CIGS, ma lascia aperti interrogativi per i Commissari e per i Professionisti che assistono le aziende che chiedono l’ammissione alla procedura concordataria.

Leggi dopo
Giurisprudenza commentata Giurisprudenza commentata

Dichiarazione di fallimento in pendenza di ricorso per concordato preventivo con nomina di curatore collegiale

25 Settembre 2012 | di Melania Ranieli

Tribunale di Torre Annunziata

Consecuzione di procedure

Il deposito in cancelleria di una domanda per l’ammissione alla procedura di concordato preventivo non legittima la sospensione della procedura fallimentare, né impone di valutare l’ammissibilità alla procedura concordataria prima di dichiarare il fallimento.

Leggi dopo

Pagine