nuovo-codice-crisi-impresa-insolvenza
Focus Focus

Gli adeguati assetti in relazione (anche) alla composizione negoziata e alle procedure di allerta

20 Gennaio 2022 | di Paolo Scapolo

Crisi d'impresa e insolvenza

L'entrata in vigore dell'art. 15 D.L. 118/2021, con l'introduzione di una specifica segnalazione all'organo amministrativo da parte dell'organo di controllo, ha rimarcato l'indirizzo intrapreso dal Legislatore già con i sistemi di allerta di cui al Titolo II del Codice della Crisi (rinviati al 2024) e con l'art. 2086 c.c. comma 2 relativo all'istituzione degli assetti organizzativi, amministrativi e contabili adeguati alla natura e alle dimensioni dell'impresa (in vigore dal marzo 2019). La prospettiva del Legislatore si conferma pertanto rivolta alla rilevazione tempestiva dei segnali di crisi dell'impresa, con il fine di anticiparne più possibile i rimedi, risultando in linea con la Direttiva europea Insolvency e lasciando spazio alle iniziative dell'imprenditore nell'implementazione di un sistema di controllo interno attendibile, quale strumento “anche” di prevenzione dei segnali di crisi. Il presente contributo nasce quindi con l'intenzione di rappresentare i profili comuni che pongono in correlazione le disposizioni di all'art. 2086, comma 2, c.c. con la piattaforma telematica di cui all'art. 3, comma 2, D.L. 118/2021 e gli indici ed indicatori previsti dagli strumenti di allerta di cui al Titolo II del CCII, quali strumenti di supporto all'imprenditore per la valutazione delle performance aziendali, propedeutici anche - e non solo - alla rilevazione anticipata della crisi, nelle more della definizione di un orientamento giurisprudenziale consolidato che delinei più puntualmente il concetto di adeguatezza degli assetti.

Leggi dopo
Blog Blog

Il potere del tribunale di rideterminare il contenuto del contratto nella composizione negoziata della crisi

11 Gennaio 2022 | di Daniele Portinaro

Crisi d'impresa e insolvenza

In deroga alle previsioni di diritto comune, il legislatore, nell'ambito della procedura di composizione negoziata della crisi, ha attribuito al tribunale, su iniziativa dell'imprenditore, il potere di rideterminare il contenuto di determinati contratti, nel caso in cui la prestazione a carico del debitore sia divenuta eccessivamente onerosa a causa della pandemia da SARS-Cov-2.

Leggi dopo
Focus Focus

Composizione negoziata della crisi di impresa e misure di allerta dopo la L. 233/2021

07 Gennaio 2022 | di Girolamo Lazoppina

Crisi d'impresa e insolvenza

La Legge n. 233 del 29 dicembre 2021, di conversione del D.L. 152/2021, ha introdotto nuove disposizioni riguardanti la procedura di composizione negoziata per la soluzione della crisi ed in particolare, all’art. 30 sexies ha introdotto le segnalazioni dei creditori pubblici qualificati (Istituto nazionale della previdenza sociale, Agenzia delle entrate ed Agenzia delle entrate-Riscossione) all’organo di controllo e all’imprenditore, specificando tempi e soglie rilevanti per le segnalazioni.

Leggi dopo
News News

Formazione degli elenchi degli esperti nella composizione negoziata: le linee di indirizzo del Ministero della giustizia per la selezione delle domande

05 Gennaio 2022 | di La Redazione

CNDCEC
Ministero della Giustizia

Informativa n. 1-2022.pdf

Crisi d'impresa e insolvenza

Il CNDCEC, con l’informativa n. 1 del 3 gennaio 2022, ha reso noto che il Ministero della Giustizia il 29 dicembre 2021 ha fornito agli Ordini professionali le linee di indirizzo per l'attività di selezione delle domande per la formazione degli elenchi regionali degli esperti indipendenti nella composizione negoziata della crisi d'impresa (art. 3 D.L. 118/2021, conv. con mod., in L. 147/2021).

Leggi dopo
News News

Certificazione unica dei debiti contributivi ex art. 363 CCI: il messaggio INPS n. 4696

05 Gennaio 2022 | di La Redazione

Messaggio INPS

INPS Messaggio_4696_28-12-2021.pdf

Crisi d'impresa e insolvenza

L’INPS, con il messaggio n. 4696 del 28 dicembre 2021, definisce le modalità per richiedere il certificato unico dei debiti contributivi, cioè il documento che riassume la situazione debitoria dei titolari di aziende in crisi d’impresa.

Leggi dopo
News News

Le novità introdotte dalla L. 233/2021 alle norme sulla composizione negoziata di cui al D.L. 118/2021

03 Gennaio 2022 | di La Redazione

Legge

Crisi d'impresa e insolvenza

Nella G.U. n. 310 del 31 dicembre 2021 è stata pubblicata la L. 29 dicembre 2021, n. 233, di conversione del D.L. 152/2021 recante “Disposizioni urgenti per l'attuazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR) e per la prevenzione delle infiltrazioni mafiose”. La legge integra la disciplina contenuta D.L. 118/2021, conv., con mod., nella L. 147/2021, introducendo gli artt. da 30 ter a 30 sexies.

Leggi dopo
Quesiti Operativi Quesiti Operativi

Applicabilità del cram down in via analogica al concordato fallimentare

27 Dicembre 2021 | di Francesca Monica Cocco

Concordato fallimentare

In sede di concordato fallimentare, è ammissibile la richiesta al Tribunale di applicazione del cram down a fronte del voto negativo espresso da parte dell’amministrazione finanziaria, che si ravvisi come determinante, nonostante il cram down non sia previsto anche per il concordato fallimentare?

Leggi dopo
Casi e sentenze Casi e sentenze

Composizione negoziata: mancata nomina dell’esperto e autorizzazione ex art. 10 DL 118/2021 a contrarre finanziamenti prededucibili

24 Dicembre 2021 | di La Redazione

Trib. Treviso

Crisi d'impresa e insolvenza

La nomina dell’esperto nell’ambito di un procedimento di composizione negoziata della crisi non è condizione necessaria per dar corso all’autorizzazione ex art. 10 D.L. 118/2021, a contrarre da parte dell’impresa un finanziamento prededucibile ai sensi dell’art. 111 L.F.

Leggi dopo
Focus Focus

L’esdebitazione dell'incapiente tra codice della crisi e L. 3/2012 novellata

16 Dicembre 2021 | di Alberto Crivelli

Sovraindebitamento

La crisi economica degli ultimi anni ha reso sempre più attuale la necessità per il legislatore di garantire nuove forme di “ripartenza” tramite l'esdebitazione per ogni sorta di debitore, dall'imprenditore al consumatore al professionista. Si è sentita l'esigenza di estendere tale possibilità ai piccoli imprenditori ed ai consumatori, anche a mezzo di istituti innovativi come il piano del consumatoree, per quanto riguarda la legge fallimentare, disponendosene l'applicabilità anche ai fallimenti di “vecchio rito”.

Leggi dopo
Giurisprudenza commentata Giurisprudenza commentata

La prima decisione sulle misure protettive: per la convalida occorrono pubblicazione e accettazione

15 Dicembre 2021 | di Fabio Cesare

Trib. Brescia

Sovraindebitamento

E’ inammissibile la domanda di conferma delle misure protettive ex artt. 6-7 D.L. 118/2021 qualora l’istanza di composizione negoziata non sia stata pubblicata nel Registro delle imprese, l’esperto non abbia accettato l’incarico e la domanda di concordato sia stata rinunciata senza che il Tribunale ne abbia dichiarato l’improcedibilità.

Leggi dopo

Pagine