Casi e sentenze

Casi e sentenze

Revoca dell’ammissione al concordato per carenze informative ai creditori

02 Dicembre 2020 | di La Redazione

Tribunale di Bergamo

Revoca dell'ammissione al concordato preventivo

Può essere disposta la revoca del concordato, per difetto dei presupposti di ammissibilità, ex art. 173, comma 3, l.fall., ove emerga la carenza di un’adeguata informativa dei creditori, sia con riferimento alla mancata rappresentazione, da parte della società debitrice, del probabile rango privilegiato che assiste i creditori garantiti dal fondo di garanzia....

Leggi dopo

Covid-19 e concordato: concessione del termine per il deposito del piano e differimento dell’adunanza dei creditori

25 Novembre 2020 | di La Redazione

Tribunale di Milano

Votazione nelle procedure concorsuali e adunanza dei creditori

È ammissibile l’istanza di concessione del termine per il deposito di un nuovo piano e di una nuova proposta di concordato, o di un piano aggiornato...

Leggi dopo

Compatibilità tra azione revocatoria e sequestro conservativo

17 Novembre 2020 | di La Redazione

Tribunale di Verona

Azione revocatoria ordinaria

L’azione revocatoria e il sequestro conservativo non sono azioni tra loro alternative e non si precludono vicendevolmente...

Leggi dopo

La domanda di concordato rende improseguibile il processo esecutivo

12 Novembre 2020 | di La Redazione

Tribunale di Roma

Divieto di azioni esecutive e cautelari

La proposizione di una domanda di concordato preventivo determina, ai sensi dell'art. 168, comma 1, l.fall., non già l'estinzione ma l'improseguibilità del processo esecutivo, ivi compreso quello avente ad oggetto le misure cautelari già ottenute...

Leggi dopo

Concordato in continuità e aumento della durata del piano

09 Novembre 2020 | di La Redazione

Tribunale di Pistoia

Concordato con continuità aziendale

L’elevazione della durata del piano da cinque a sette anni non incide sul vaglio di ammissibilità rimesso al Collegio.

Leggi dopo

Il fallimento dell’amministratore di s.r.l. non comporta la sua incapacità alla carica

04 Novembre 2020 | di La Redazione

Tribunale di Vicenza

Fallimento: disciplina generale

Il fallimento dell’amministratore di s.r.l. non determina la sua incapacità alla carica sociale, non essendo applicabile, nei suoi confronti, la decadenza

Leggi dopo

Lo stato di insolvenza di un’impresa in liquidazione

26 Ottobre 2020 | di La Redazione

Tribunale di Catania

Dichiarazione dello stato di insolvenza

Lo stato di insolvenza delle società in liquidazione, non destinate a rimanere sul mercato ma, esclusivamente, a soddisfare i creditori sociali, si valuta solamente mettendo a raffronto il totale dell’attivo liquidabile con l’ammontare totale dei debiti.

Leggi dopo

Inammissibile la nuova domanda di preconcordato dopo che la prima non è stata accolta

20 Ottobre 2020 | di La Redazione

Corte di Appello di Torino

Inammissibilità della proposta di concordato

Deve ritenersi invalido e, dunque, deve essere ritirato il decreto di omologa fondato su una domanda di concordato bianco, ove il debitore abbia già presentato, nei due anni precedenti, una domanda ...

Leggi dopo

Sovraindebitamento: rientrano nella procedura stipendi futuri e importi non ancora nel patrimonio del debitore

13 Ottobre 2020 | di La Redazione

Tribunale di Bologna

Sovraindebitamento: Liquidazione del patrimonio

Non osta all’accoglimento di una domanda di liquidazione del patrimonio ex art. 14-ter, comma 2, l. n. 3/2012, la circostanza che l’attivo funzionale alla liquidazione messo a disposizione della procedura sia costituito, in mancanza di beni mobili e immobili suscettibili di utile realizzo, da somme non ancora nel patrimonio del debitore...

Leggi dopo

Concordato, nei flussi derivanti dalla continuità aziendale non va garantita una percentuale minima ai creditori

09 Ottobre 2020 | di La Redazione

Corte d’Appello di Venezia

Concordato con continuità aziendale

E’ priva di adeguato riscontro normativo attualmente applicabile la tesi secondo cui nel caso di continuità aziendale la proposta di concordato debba necessariamente prevedere la diretta destinazione a favore dei flussi reddituali rinvenienti dalla continuazione dell’attività di impresa.

Leggi dopo

Pagine