Focus

Focus

Tra Decreto Liquidità e liquidità codicistica: il crepuscolo del capitale sociale?

23 Dicembre 2020 | di Pier Francesco Zari

Riduzione del capitale sociale per perdite

Il presente elaborato si propone di esaminare in ottica critica le misure sospensive adottate dagli artt. 6 e 7 del c.d Decreto Liquidità, che interdicono temporaneamente l'applicazione di alcuni articoli del codice civile in tema di riduzione del capitale sociale.

Leggi dopo

Le novità in tema di sovraindebitamento con il Decreto Correttivo

18 Dicembre 2020 | di Fabio Cesare

Sovraindebitamento

Poco dopo il differimento dell'entrata in vigore del CCII, il legislatore è intervenuto sul codice della crisi in attuazione della legge 8 marzo 2019, n. 20, recante «Delega al Governo per l'adozione di disposizioni integrative e correttive dei decreti legislativi adottati in attuazione della delega per la riforma delle discipline della crisi di impresa e dell'insolvenza, di cui alla legge 19 ottobre 2017, n. 155».

Leggi dopo

Le domande “tardive” di partecipazione alla liquidazione sono inammissibili

16 Dicembre 2020 | di Carlo Giovanni Fumagalli

Sovraindebitamento: Liquidazione del patrimonio

La L. n. 3/2012, come ben noto, nulla dice in materia di domande pervenute oltre il termine indicato dal liquidatore, e la dottrina spesso si è domandata circa la possibilità di ammettere domande pervenute oltre tale termine. Ci si sofferma sul tema, prendendo spunto da una recente pronuncia di merito.

Leggi dopo

L'entrata in vigore delle disposizioni del decreto correttivo in tema di Albo dei soggetti incaricati dall'autorità giudiziaria

14 Dicembre 2020 | di Silvia Zenati

Crisi d'impresa e insolvenza

Con la pubblicazione in G.U. del decreto correttivo del Codice della crisi d'impresa (D.Lgs. n. 147/2020) sono entrate in vigore il 20 novembre 2020, decorso il termine ordinario di vacatio legis, le disposizioni degli artt. 37, commi 1 e 2, che intervengono sugli artt. 356, comma 2, e 357, comma 1, CCII. L'Autrice ripercorre le principali novità introdotte in tema di albo dei soggetti incaricati dall'autorità giudiziaria, evidenziando la coerenza o meno con i principi dettati dalla legge delega e con la Direttiva UE 2019/1023.

Leggi dopo

L’art. 375 CCI: gestione degli assetti organizzativi societari e business judgment rule alla luce di recenti pronunce giurisprudenziali

07 Dicembre 2020 | di Sergio Sisia

Società di capitali

L’art. 375 CCI ha modificato l’art. 2086 c.c., aggiungendovi il comma 2 e sostituendo la relativa rubrica denominandola “Gestione dell’impresa”.

Leggi dopo

Le novità del Codice della crisi sulla transazione fiscale

30 Novembre 2020 | di Giulio Andreani

Transazione fiscale nelle procedure concorsuali

Grazie all'emendamento approvato l'11 novembre dalla Commissione Affari costituzionali del Senato in sede di conversione del D.L. 7 ottobre 2020, n. 125, viene anticipata l'entrata in vigore, attraverso il loro inserimento negli artt. 180, 182-bis e 182-ter della legge fallimentare, delle disposizioni relative alla transazione fiscale e contributiva introdotte dagli artt. 48, comma 5, 63 e 88 del Codice della crisi d'impresa e dell'insolvenza.

Leggi dopo

Eccezioni alla fallibilità: l'impresa agricola

24 Novembre 2020 | di Donatella Perna

Impresa agricola

La distinzione tra imprenditore commerciale e imprenditore agricolo ha un'importanza fondamentale, poiché il primo può fallire (se in possesso dei presupposti oggettivi) e può accedere a tutti gli strumenti di risanamento salvo la procedura per sovraindebitamento; il secondo può accedere generalmente solo alla procedura per sovraindebitamento e all'accordo di ristrutturazione.

Leggi dopo

RTI aggiudicatario con mandante istante “in bianco” per ammissione a concordato: le condizioni per evitare l'esclusione

17 Novembre 2020 | di Beatrice Armeli

Appalto

Il presente contributo si concentra sui rapporti tra partecipazione ad una gara d'appalto e sottoposizione a procedure concorsuali, con particolare riferimento al concordato preventivo, alla luce della normativa vigente e delle ultime pronunce (tra cui la sentenza Corte Cost. n. 85/2020 e la recente sentenza TAR Lombardia, Milano, n. 1462/2020). In particolare, vengono analizzate le condizioni per partecipare ad una gara quando la domanda di concordato è presentata prima dell'offerta, per sottoscrivere il contratto di affidamento quando la domanda di concordato è presentata dopo l'aggiudicazione e per sottoscrivere il contratto quando la domanda di concordato è presentata da una mandante del RTI aggiudicatario.

Leggi dopo

Dal modello organizzativo 231 agli adeguati assetti richiesti dal Codice della crisi e dell'insolvenza

09 Novembre 2020 | di Enrica Perusia, Ciro Santoriello

Responsabilità amministrativa degli enti ex d.lgs. 231/2001

Dopo aver analizzato, nel precedente articolo, le conseguenze negative che possono derivare in capo all'azienda in caso di inosservanza delle prescrizioni di cui agli artt. 3 e 14 d.lgs. n. 14/2019 e art. 2086, comma 2, c.c., in questa seconda parte, il tema della relazione fra responsabilità da reato delle società e nuovo Codice della crisi viene esaminato da lato opposto, ovvero evidenziando come l'adozione da parte dell'impresa del modello organizzativo possa fungere da premessa, a volte importante, in altri casi essenziale, per pervenire alla costruzione di un adeguato assetto aziendale funzionale anche alla gestione delle crisi di impresa.

Leggi dopo

Riflessi e illusioni del divieto di pignoramento dell’abitazione principale sul sovraindebitamento nel Decreto Ristori

30 Ottobre 2020 | di Fabio Cesare

Sovraindebitamento

L’art. 4 del nuovo decreto-legge 28 ottobre 2020 n. 137 (c.d. Decreto Ristori) procrastina la sospensione delle procedure esecutive immobiliari “sulla prima casa” al 31 dicembre 2020 e sancisce l’inefficacia di tutti i pignoramenti che colpiscono “l’abitazione principale del debitore” fino alla legge di conversione del decreto. La disposizione è sicuramente il riflesso di una legislazione sempre più nevrotica e poco attenta agli impatti di sistema: occorre chiarire come i due precetti non possano essere estesi al sovraindebitamento, il cui accesso potrebbe essere disincentivato.

Leggi dopo

Pagine