Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata

Gli strumenti di finanziamento ibrido nel fallimento della s.p.a. emittente

10 Marzo 2021 | di Giovanni Gerbini

Tribunale di Bologna

Strumenti finanziari partecipativi

Con decreto del 1° ottobre 2020 il Tribunale di Bologna si è pronunciato sul tema del trattamento dei sottoscrittori di strumenti finanziari partecipativi ex art. 2346, comma 6, c.c., nell'ambito della procedura fallimentare della società che li ha emessi.

Leggi dopo

Concordato preventivo e notifica della cartella di pagamento

05 Marzo 2021 | di Fabio Gallio

Cass. civ.

Concordato preventivo: disciplina generale

Con l'ordinanza del 30 settembre 2020, n. 20717, la Cassazione si è espressa in merito alla possibilità di notificare una cartella di pagamento ad un contribuente successivamente all'apertura del concordato preventivo.

Leggi dopo

Fallimento: valida la notifica dell'istanza di fallimento alla casa comunale per l'impresa che non ha la PEC

26 Febbraio 2021 | di Alessandro Barale

Cass. civ.

Dichiarazione di fallimento

La sentenza in commento evidenzia l'obbligo per ogni imprenditore iscritto al registro delle imprese di "dotarsi di indirizzo di posta elettronica certificata”, nonché le conseguenze che derivano per tali soggetti dal mancato perfezionamento del procedimento di notifica presso l'indirizzo di posta elettronica certificata...

Leggi dopo

L’omologa del concordato fallimentare con assuntore e imposta di registro

17 Febbraio 2021 | di Daniele Portinaro

CTR Lombardia, Sez. XVII

Concordato fallimentare

Non è soggetto ad imposta l'accollo delle passività fallimentari, in quanto atto collegato e contestuale ad altre disposizioni, in particolare alla disposizione concernente il trasferimento delle attività fallimentari.

Leggi dopo

Il fallimento della “supersocietà” di fatto

11 Febbraio 2021 | di Francesco Spina

Cass. civ., sez. I

Fallimento in estensione

Il focus dell'art. 147, comma 5, l.fall. non appare diretto verso una o altra forma di esercizio dell'attività di impresa (individuale o collettiva), ma è volto piuttosto verso l'ipotesi in cui emerga che, invece, si tratta di una impresa riferibile ad una società.

Leggi dopo

Presupposti e differenze tra revoca e risoluzione del concordato preventivo: la Cassazione fa il punto

03 Febbraio 2021 | di Francesca Giovannardi, Giovanni Simone

Cass. civ, Sez. VI

Revoca dell'ammissione al concordato preventivo

In tema di concordato preventivo, l'avvenuta omologazione dello stesso ne impedisce la possibilità di revoca, configurabile, invece, solo nell'intervallo temporale ricompreso tra l'apertura della procedura e la sua omologazione.

Leggi dopo

E' esclusa la compensazione fallimentare del credito da equo indennizzo ex art. 79 l.fall.

21 Gennaio 2021 | di Gianfranco Benvenuto

Cass. civ.

Compensazione

Il credito da equo indennizzo ex art. 79 L.Fall., pur collegato al contratto di affitto di azienda, diviene certo soltanto a seguito dell'esercizio del diritto di recesso da parte del curatore successivamente alla dichiarazione di fallimento.

Leggi dopo

Variazioni Iva: un'attesa inversione di tendenza alla luce della Corte di Giustizia

14 Gennaio 2021 | di Sergio Sisia

Cass. Civ.

Fallimento: disciplina generale

In tema di I.V.A., è illegittima la pretesa del Fisco di ottenere l'imposta dal cedente o dal prestatore che non abbia fatto ricorso al meccanismo previsto dall'art. 26 del d.P.R. n. 633/72 per mancato pagamento a causa di procedure concorsuali rimaste infruttuose, qualora questo meccanismo sia stato utilizzato dal cessionario o committente, e sia stato eliminato in tempo utile il rischio di perdita di gettito per l'erario.

Leggi dopo

Il mutuo per l'acquisto di un immobile quale “passività incontrata” ex art. 42, comma 2, l.fall.

07 Gennaio 2021 | di Martina Elisa Pillon

Mutuo

Rientra tra le “passività incontrate per l'acquisto” del bene, ai sensi dell'art. 42, comma 2, l.fall., il debito derivante da un contratto di mutuo stipulato dal fallito, in pendenza della procedura concorsuale, per l'acquisto di un immobile, successivamente appreso all'attivo del fallimento, a condizione che l'istituto di credito dimostri che la somma erogata è stata effettivamente richiesta ed impiegata dal debitore per tale scopo.

Leggi dopo

Violazione dell'obbligo di disclosure e deficit informativo: tutto ciò che non dovrebbe accadere nel concordato

29 Dicembre 2020 | di Giannino Bettazzi

Corte d'Appello di Venezia

Omologazione della proposta di concordato

Sussiste la legittimazione a proporre opposizione all'omologazione del concordato preventivo ex art. 180 l. fall. anche qualora il creditore sia titolare di un credito di percentuale inferiore al quorum deliberativo, essendo all'uopo sufficiente che si tratti di soggetto dissenziente.

Leggi dopo

Pagine