Giurisprudenza commentata

Giurisprudenza commentata

Revoca del sostegno pubblico all'impresa: forma del sindacato del giudice ordinario e nozione ampia di finanziamento

25 Agosto 2020 | di Francesco Vignoli

Cass. Civ.

Crediti privilegiati

La revoca del sostegno pubblico concesso per lo sviluppo delle attività produttive, ai sensi dell'art. 9 del d.lgs. n. 123/98, non importa alcuna valutazione discrezionale perché il provvedimento di revoca si limita ad accertare il venire meno di un presupposto previsto in modo puntuale dalla legge, senza che l'atto di revoca possegga alcuna valenza costitutiva.

Leggi dopo

Il soddisfacimento dei creditori chirografari è subordinato all’integrale pagamento dei crediti di rango poziore

18 Agosto 2020 | di Lorenzo Vaglio Tanet

Cass. Civ.

Crediti chirografari

In costanza di concordato preventivo, il pagamento dei creditori chirografari è subordinato all’integrale soddisfazione dei crediti muniti di privilegio generale, per i quali, a norma dell’art. 160, comma 2, l. fall., è ammissibile un soddisfacimento parziale solamente ove il patrimonio mobiliare del debitore sia incapiente...

Leggi dopo

La configurabilità della bancarotta c.d. “riparata” in ipotesi di società ammessa al concordato preventivo e poi fallita

14 Agosto 2020 | di Enrico Corucci

Cass. pen.,

Bancarotta fraudolenta

Ai fini della configurabilità del reato di bancarotta fraudolenta patrimoniale, il pregiudizio ai creditori deve sussistere al momento della dichiarazione giudiziale di fallimento o del decreto di ammissione al concordato preventivo e non già al momento della commissione dell'atto antidoveroso.

Leggi dopo

Destinazione dei flussi derivanti dalla continuità aziendale e dei frutti dell'immobile gravato da ipoteca

12 Agosto 2020 | di Filippo Rasile, Claudia Passerini

Tribunale di Catania

Inammissibilità della proposta di concordato

I flussi derivanti dalla continuità aziendale non costituiscono nuova finanza liberamente destinabile al ceto creditorio senza il necessario rispetto delle cause legittime di prelazione, in quanto la possibilità di destinare tali flussi al pagamento dei creditori in deroga all'art. 2740 c.c. comporterebbe la totale inapplicabilità dell'art.160 comma 2 l.fall. (alterazione cause legittime di prelazione).

Leggi dopo

Il pagamento dei debiti anteriori nell'amministrazione straordinaria delle grandi imprese insolventi

05 Agosto 2020 | di Simone Marzo

Tribunale di Torino

Amministrazione straordinaria: disciplina generale

Il pagamento di debiti anteriori ex art. 3, comma 1-bis, d.l. n. 347/2003 non può essere autorizzato per assecondare pretese “ricattatorie” dei creditori anteriori, né qualora l'azienda dell'imprenditore insolvente sia oggetto di un contratto d'affitto, atteso che in detta ipotesi l'eventuale pagamento non sarebbe funzionale alla continuità aziendale della società in procedura, ma a quella dell'affittuaria.

Leggi dopo

La moratoria ultrannuale dei creditori privilegiati e la conseguente inammissibilità della proposta concordataria

28 Luglio 2020 | di Andrea Colnaghi

Tribunale di Modena

Concordato con continuità aziendale

Il piano concordatario deve prevedere, a pena di inammissibilità della proposta, che il soddisfacimento dei creditori con diritto di prelazione sui beni necessari alla continuità aziendale avvenga entro il termine massimo di un anno dal decreto di omologazione.

Leggi dopo

L'azione per l'inefficacia dei pagamenti ex art. 44 l. fall.

21 Luglio 2020 | di Lorenzo Gambi

Cass. Civ.

Inefficacia e inopponibilità degli atti

I pagamenti effettuati dal debitore dopo l'apertura del concorso ex art. 44, comma 1, l. fall. sono inefficaci nei confronti della massa a partire dall'ora “zero” del giorno in cui la sentenza dichiarativa di fallimento è iscritta presso il Registro delle imprese, non rilevando l'orario nel quale tale adempimento sia stata eseguito.

Leggi dopo

Revocatoria di atti a titolo gratuito: il pregiudizio non deve essere conosciuto anche dal terzo

15 Luglio 2020 | di Girolamo Lazoppina

Cass. Civ.

Azione revocatoria ordinaria

L'azione revocatoria ordinaria di atti a titolo gratuito non postula che il pregiudizio arrecato alle ragioni del creditore sia conosciuto, oltre che dal debitore, anche dal terzo beneficiario, il quale ha comunque acquisito un vantaggio senza un corrispondente sacrificio e, quindi, ben può vedere il proprio interesse posposto a quello del creditore.

Leggi dopo

Sull’insolvenza della Banca Popolare di Vicenza

09 Luglio 2020 | di Marcello Maggiolo

Corte d'Appello di Venezia

Dichiarazione dello stato di insolvenza

L'insolvenza di una banca sottoposta a liquidazione coatta amministrativa deve essere appurata facendo riferimento al momento in cui il provvedimento di liquidazione viene emanato...

Leggi dopo

Accordo di ristrutturazione dei debiti nella fase esecutiva del concordato preventivo

06 Luglio 2020 | di Remo Tarolli, Laura Riondato

Tribunale di Padova

Consecuzione di procedure

L'art. 185 l. fall. non è ostativo all'inserimento di un accordo di ristrutturazione dei debiti nell'ambito della fase esecutiva di un concordato preventivo. L'accordo può avere ad oggetto la rinegoziazione delle previsioni della proposta concordataria omologata con la maggior parte o tutti i creditori

Leggi dopo

Pagine