News

News su Concordato preventivo: disciplina generale

Il Tribunale competente deve provvedere alla liquidazione del compenso del commissario giudiziale anche se il concordato è inammissibile

09 Giugno 2021 | di La Redazione

Cass. civ.

Concordato preventivo: disciplina generale

In tema di procedure concorsuali, il rinvio compiuto dall’art. 165, comma 2, l. fall. – il cui comma 3 prevede che la liquidazione del compenso finale avvenga “al termine della procedura” – comporta che, a seguito della chiusura – per qualsiasi causa – della procedura concordataria, il Tribunale competente sulla regolazione del concorso, nonostante la sua formale decadenza, abbia ancora il potere di provvedere alla liquidazione del compenso dovuto al commissario giudiziale, una volta che tutte le sue attività si siano concluse.

Leggi dopo

Il concordato preventivo con riserva non esclude automaticamente la partecipazione alla gara d’appalto

28 Maggio 2021 | di La Redazione

Consiglio Stato

Concordato preventivo: disciplina generale

L’impresa che presenta domanda di concordato preventivo con riserva non è automaticamente esclusa dalla partecipazione alla procedura per l’affidamento di contratti pubblici (ossia dalla gara d’appalto). È, tuttavia, tenuta a chiedere l’autorizzazione al giudice fallimentare che valuterà la compatibilità della partecipazione con la disciplina della continuità aziendale. Se a chiedere il concordato è un raggruppamento d’imprese l’autorizzazione deve essere rilasciata prima dell’aggiudicazione della gara.

Leggi dopo

Concordato preventivo e credito prededucibile: la parola alle Sezioni Unite

27 Aprile 2021 | di Gianluca Tarantino

Cass. civ.

Concordato preventivo: disciplina generale

La I sezione della Cassazione, stante il contrasto di giurisprudenza esistente in materia, ritiene di rimettere alla Sezioni Unite della Cassazione una serie di questioni sulla prededucibilità del credito del professionista per l’attività svolta nell’ambito di un concordato preventivo e, in particolare: a) se debba essere ribadito che la prededuzione non trova fondamento nel presupposto della occasionalità ma in quello della funzionalità e/o della espressa previsione legale, e se, in particolare, il criterio della funzionalità va scrutinato ex ante, non considerando in alcuna misura l’utilità della prestazione del professionista; b) se la previsione legale si riferisca al solo professionista attestatore o anche ad altri professionisti comunque intervenuti nell’attività; c) se la prededuzione spetti anche in caso di procedura concordataria in bianco che non varca la soglia dell’ammissibilità ovvero in caso di revoca della proposta da parte del proponente.

Leggi dopo

Efficacia delle ipoteche giudiziali in caso di rinuncia al concordato preventivo

08 Aprile 2021

Cass. civ.

Concordato preventivo: disciplina generale

L’art. 168, comma 3, l. fall., che prevede l’inefficacia delle ipoteche giudiziali iscritte nei novanta giorni anteriori all’iscrizione nel Registro delle imprese del ricorso per concordato preventivo rispetto ai creditori anteriori al concordato, non si applica qualora, rinunciata la domanda di concordato preventivo prima dell’ammissione al concordato medesimo, sia stato in un momento successivo dichiarato il fallimento dell’imprenditore, trovando l’inefficacia degli atti nell’ambito della proceduta fallimentare la propria disciplina nell’art. 69 bis l. fall.

Leggi dopo

Rapporto tra espropriazione presso terzi e concordato preventivo

18 Febbraio 2021 | di Ilaria Pietroletti

Cass. civ.

Concordato preventivo: disciplina generale

Nel concordato preventivo non trova applicazione il meccanismo dello spossessamento: questo il principio di diritto espresso dalla Suprema Corte, con sentenza n. 3850/21, che ha fornito una puntuale ricostruzione della giurisprudenza formatasi in materia e chiarito la differenza tra i poteri concessi al fallito, rispetto al debitore soggetto a concordato preventivo.

Leggi dopo

Il nuovo principio dell’Agenzia Entrate sul concordato preventivo in continuità con assuntore

10 Febbraio 2021 | di La Redazione

Principio_diritto_4_08.02.2021.pdf

Concordato preventivo: disciplina generale

L'Agenzia delle Entrate, nel Principio di diritto n. 4 del 9 febbraio, si sofferma sul concordato preventivo in continuità con assuntore, in particolare sulla liberazione del debitore, sul successivo fallimento dell'assuntore e sui limiti all'emissione delle note di variazione ai fini IVA.

Leggi dopo

Prededucibile nel fallimento "consecutivo" il credito del professionista che assiste il debitore solo se la procedura di concordato è aperta ex art. 163 l.f.

21 Gennaio 2021 | di Andrea Paganini

Cass. civ.

Concordato preventivo: disciplina generale

L'art. 111, comma 2 l.f., nello stabilire che sono considerati prededucibili i crediti sorti in funzione di una procedura concorsuale, presuppone che una tale procedura sia stata aperta, e non la semplice presentazione di una domanda di concordato, che dà luogo unicamente ad un procedimento di verifica volto al mero accertamento dell'ammissibilità della proposta.

Leggi dopo

Quando l’inammissibilità del concordato accompagna la dichiarazione di fallimento l’impugnazione è unica

07 Giugno 2019 | di La Redazione

Cass. Civ. – Sez. I – 6 giugno 2019 – n. 15422, sent..pdf

Cass. Civ. – Sez. I – 6 giugno 2019 – n. 15422, sent..pdf

Concordato preventivo: disciplina generale

Qualora alla declaratoria di inammissibilità, revoca o non omologazione del concordato si accompagni la dichiarazione di fallimento del debitore, l’impugnazione prevista è unica ed ha per oggetto sia la dichiarazione di fallimento che il provvedimento negativo sul concordato, come espressamente previsto dagli artt. 162, ultimo comma e 183, ultimo comma, l.fall..

Leggi dopo

Pagamento successivo al concordato: il credito IVA non è considerabile come sorto in occasione della procedura

29 Maggio 2019 | di La Redazione

Agenzia delle Entrate

Concordato preventivo: disciplina generale

Non si può considerare il credito IVA relativo alle operazioni antecedenti al concordato preventivo come sorto in occasione delle procedure concorsuali; tali operazioni si devono considerare effettuate al momento dell’emissione della fattura, anche se il pagamento della prestazione è avvenuto successivamente all'apertura della procedura concorsuale. Questo è quanto chiarito dall'Agenzia delle Entrate con la Risposta ad interpello n. 164 diffusa nella giornata di ieri.

Leggi dopo

Concordato: dal MISE chiarimenti sulle modifiche alla visura camerale

24 Maggio 2019 | di La Redazione

MISE - Circolare

Concordato preventivo: disciplina generale

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha fornito alcuni chiarimenti in merito alla nuova rappresentazione, nelle visure rilasciate dal Registro delle imprese, del concordato preventivo dopo il decreto di omologazione (art. 180 l.fall.), e fino al completamento dell'esecuzione della proposta di concordato.

Leggi dopo

Pagine