News

News su Piani di risanamento

La Risposta dell’Agenzia delle Entrate in tema di piano di risanamento e sopravvenienze da riduzione dei debiti dell’impresa

02 Agosto 2021 | di La Redazione

Agenzia delle Entrate

Interpello 522_2021.pdf

Piani di risanamento

L'Agenzia delle Entrate con Risposta a Interpello n. 522 del 24 luglio 2021 fornisce alcuni chiarimenti sulla possibilità di applicare il regime di cui all'art. 88, c. 4 ter, II periodo, TUIR alle sopravvenienze attive da riduzione di debiti derivanti da un piano attestato ex art. 67, c. 3, lett. d), L.F., iscritto nel Registro delle imprese in data successiva alla stipula degli accordi di saldo e stralcio del debito da cui le sopravvenienze originano.

Leggi dopo

Inapplicabile l’esenzione prevista dall’art. 88, c. 4, TUIR alle riduzioni dei debiti anteriori al piano attestato

11 Maggio 2021 | di La Redazione

Agenzia delle Entrate – Risposta Interpello

Piani di risanamento

L’Agenzia delle Entrate ha pubblicato la risposta a interpello n. 319 del 10 maggio 2021 in tema di riduzione dei debiti dell'impresa a seguito della pubblicazione nel Registro delle imprese del piano attestato di risanamento ai sensi dell'art. 67, comma 3, lett. d), l. fall.

Leggi dopo

Consultazione del CNDCEC sui Principi di attestazione dei piani di risanamento

20 Ottobre 2020 | di La Redazione

Piani di risanamento

Il Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili ha posto in consultazione la versione aggiornata del documento relativo ai Principi di attestazione dei piani di risanamento.

Leggi dopo

La veridicità dei dati aziendali quale necessario presupposto della valutazione di ragionevolezza del piano di risanamento

17 Febbraio 2020 | di La Redazione

Cass. Civ., sez. I, 10 febbraio 2020, n. 3018

Piani di risanamento

Ai sensi dell’art. 67, comma 3, lett. d), l.fall., nel testo previgente al d.l. n. 83/2012, conv. con modif. in L. n. 134/2012, la veridicità dei dati aziendali rappresenta elemento costitutivo dell’attestazione, quale presupposto necessario della valutazione di ragionevolezza del piano attestato di risanamento.

Leggi dopo

Il debitore ha l’obbligo di procedere al riversamento dell’ imposta senza attendere la conclusione del piano di risanamento

18 Dicembre 2018 | di La Redazione

Agenzia delle Entrate - Interpello 17 dicembre 2018, n. 110.pdf

Piani di risanamento

Nell'ipotesi di piano attestato ex art. 67 l.fall. il debitore ha l’obbligo, non solo di registrare la nota di variazione in diminuzione, ma anche di procedere al riversamento della relativa imposta all'Erario senza attendere la conclusione del piano di risanamento. Questa la risposta fornita dall'Agenzia delle Entrate ad un interpello di un contribuente.

Leggi dopo

Attestazione antimafia: le linee guida dei commercialisti

22 Ottobre 2018 | di La Redazione

CNDCEC - Linee guida attestazione antimafia.pdf

Piani di risanamento

Il Consiglio e la Fondazione Nazionale dei Commercialisti hanno pubblicato il documento Linee guida in materia di “Attestazione Antimafia”.

Leggi dopo

L’adempimento del piano attestato non giustifica l’omissione contributiva

13 Settembre 2018 | di La Redazione

Cass. Pen.

Piani di risanamento

È giuridicamente errato ritenere che l’omissione contributiva alla scadenza sia scriminata dall'adempimento del piano attestato di risanamento in quanto non è una procedura concorsuale ma un semplice atto/piano unilateralmente predisposto dal debitore.

Leggi dopo

Piani di risanamento: i principi di redazione del CNDCEC

24 Ottobre 2017 | di La Redazione

CNDCEC -Principi di Redazione Piani di Risanamento - settembre 2017.pdf

Piani di risanamento

Il Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti, nell’ambito di un convegno organizzato dall’Ordine dei Commercialisti e degli Esperti Contabili di Milano tenutosi nella giornata di ieri, ha presentato il documento “Principi di redazione dei Piani di risanamento”.

Leggi dopo

Revocabili gli atti esecutivi di un piano di risanamento non fattibile

06 Luglio 2016 | di La Redazione

Cass. Civ.

Piani di risanamento

La Suprema Corte, chiamata ad esprimersi sull’art. 67, comma 3, lett d), l. fall., con riferimento al tema dell’esenzione da revocatoria (ordinaria o fallimentare) verso gli atti posti in essere in esecuzione di un piano attestato di risanamento, con sentenza n. 13719 del 5 luglio stabilisce il principio di diritto per il quale il giudice di merito può e deve verificare ex ante la manifesta possibilità di attuazione del piano stesso e, qualora questa fosse assente, può ritenere revocabili, da parte della curatela, gli atti considerati strumenti attuativi del programma di risanamento.

Leggi dopo

Principi di attestazione dei piani di risanamento. Next step … il vaglio dei commercialisti

27 Gennaio 2015 | di La Redazione

Piani di risanamento

I “Principi di attestazione dei piani di risanamento” passano ora nelle mani degli Ordini territoriali. Il documento, la cui prima bozza era stata resa pubblica il 14 marzo 2014 (si veda la news: Principi di attestazione dei piani di risanamento. Pubblicata la prima bozza), era stato validato il 3 settembre 2014 dal CNDEC e presentato il 4 novembre 2014 nel corso di un convegno nazionale, ed è stato ora inviato ai Presidenti dei Consigli degli Ordini dei dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili affinché essi possano contribuire alla sua stesura definitiva attraverso contributi ed osservazioni provenienti dai professionisti di tutti i territori per essere affinato con le esperienze maturate sul campo. Gli interventi dovranno essere formulati entro il prossimo 28 febbraio.

Leggi dopo

Pagine