Home page

Giurisprudenza commentata Giurisprudenza commentata

Mancata disclosure degli atti di mala gestio e revoca del concordato

28 Aprile 2017 | di Alessandro Lendvai

Tribunale di Alessandria

Revoca dell'ammissione al concordato preventivo

Tra gli atti in frode, sanzionabili con la revoca del concordato preventivo ex art. 173, comma 1, l. fall. rientra l’omessa o insufficiente disclosure circa le condotte di mala gestio poste in essere dall’organo di amministrazione e la mancata indicazione del credito risarcitorio derivante dall’eventuale azione di responsabilità, costituendo un comportamento decettivo, in violazione degli obblighi informativi che incombono sulla società proponente il concordato.

Leggi dopo
Casi e sentenze di merito Casi e sentenze di merito

Il sequestro per equivalente successivo alla sentenza di fallimento

28 Aprile 2017 | di La Redazione

Tribunale di Treviso

Dichiarazione di fallimento

Il sequestro finalizzato alla confisca per equivalente che interviene in fase successiva alla dichiarazione di fallimento non può incidere sui beni già appresi alla procedura.

Leggi dopo
Prassi dei tribunali Prassi dei tribunali

Derelizione dei beni appartenenti al fallito: i chiarimenti del Tribunale di Savona

27 Aprile 2017 | di La Redazione

Tribunale di Savona

Fallimento: disciplina generale

L’art. 104-ter, comma 8, l.fall. prevede la possibilità per il curatore, previa autorizzazione del comitato dei creditori, di non acquisire all'attivo, cioè di non inventariare, beni del fallito, oppure, in caso di già avvenuta inventariazione, di rinunciare a liquidarli se "l'attività di liquidazione appaia manifestamente non conveniente".

Leggi dopo
News News

L’azione revocatoria proposta dal curatore: il punto delle Sezioni Unite

27 Aprile 2017 | di La Redazione

Cass. Civ. – Sez. Un. – 26 aprile 2017 – n. 10233, ord..pdf

Azione revocatoria ordinaria

L’azione revocatoria ordinaria proposta dal curatore ex art. 66 l.fall. si connota di caratteristiche tali da giustificarne la qualifica di azione direttamente derivante da una procedura d’insolvenza e ad essa strettamente connessa.

Leggi dopo
Casi e sentenze di merito Casi e sentenze di merito

Legittimazione attiva all’azione di responsabilità di s.r.l. fallita

26 Aprile 2017 | di La Redazione

Tribunale di Catanzaro

Azioni di creditori e organi di procedure concorsuali verso amministratori

Deve essere dichiarata improcedibile l’azione proposta dal socio di una s.r.l., ex art. 2476, comma 3, c.c, per sopravvenuto difetto di legittimazione attiva, in conseguenza del fallimento della società.

Leggi dopo
Focus Focus

Legge di Bilancio: le novità fiscali per le procedure concorsuali e le procedure esecutive

26 Aprile 2017 | di Paola Barisone, Luigi Ruggiero

Adempimenti fiscali nel fallimento

La Legge di Stabilità 2016 (L. 28/12/2015, n. 208) ai commi 126 e 127 aveva modificato l’art. 26, D.P.R. n. 633/1972, prevedendo, a decorrere dal 1° gennaio 2017, la possibilità di emettere una nota di variazione IVA in caso di fallimento del cessionario/committente, intendendo tale requisito integrato alla data della sentenza dichiarativa di fallimento, ciò in perfetta aderenza..

Leggi dopo
News News

Abusiva concessione di credito all’impresa in crisi: la responsabilità concorrente della banca

26 Aprile 2017 | di La Redazione

Cass. Civ. – Sez. I – 20 aprile 2017, n. 9983, sent.

Azioni di creditori e organi di procedure concorsuali verso amministratori

Il curatore del fallimento di una società è legittimato ad agire, ex artt. 146 l. fall. e 2393 c.c., nei confronti della banca, ove risulti che questa sia responsabile, in solido con gli amministratori, per il danno cagionato alla società fallita dall’abusivo ricorso al credito.

Leggi dopo
Blog Blog

Gli effetti della rinuncia al concordato sul potere del P.M. di richiedere il fallimento

25 Aprile 2017 | di Francesca Mammone

Domanda di concordato

Il procedimento di revoca del concordato preventivo trova la sua disciplina nel primo e secondo comma dell’art. 173 l.fall., applicabili (perlomeno il secondo comma), quanto agli aspetti procedurali, anche alle ipotesi di revoca previste dal comma 3.

Leggi dopo
Focus Focus

Procedure fallimentari e gestione note di credito

24 Aprile 2017 | di Valerio Vannelli

Adempimenti fiscali nel fallimento

L’art. 26 , comma 2, del D.P.R. n. 633/1972, prevede la possibilità di emettere note di credito portando in detrazione la relativa imposta in conseguenza del mancato pagamento, in tutto od in parte, a causa di procedure concorsuali rimaste infruttuose ovvero a seguito di un accordo di ristrutturazione dei debiti omologato ai sensi dell’art. 182-bis l.fall. o di un piano attestato ai sensi dell’art. 67, comma 3, lett.d) l.fall. pubblicato nel registro delle imprese. Il contributo offre un quadro sistematico degli adempimenti a carico delle imprese, da un lato, e del curatore fallimentare, dall’altro, alla luce delle modifiche intervenute nella Legge Fallimentare, senza trascurare di far cenno al concordato preventivo.

Leggi dopo
Giurisprudenza commentata Giurisprudenza commentata

Riduzione del capitale sociale antecedente alla proposta di concordato e dovere di informazione ai creditori

24 Aprile 2017 | di Daniele Fico

Cass. Civ.

Concordato preventivo: disciplina generale

Costituisce atto di frode rilevante per la revoca del concordato preventivo ai sensi dell’art. 173 l. fall. la mancata dettagliata informazione ai creditori di un’operazione di riduzione del capitale sociale posta in essere in relazione logico-temporale prossima alla rappresentazione in sede giudiziale della crisi, che abbia notevolmente ridotto il patrimonio della società, non avendo a tal fine alcuna rilevanza la circostanza che nessuno dei creditori abbia impugnato la delibera di riduzione ai sensi dell’art. 2482 c.c. nei novanta giorni dalla pubblicazione nel registro delle imprese.

Leggi dopo

Pagine